S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

Il giorno più bello ~ By GarethDrake
Final Fantasy VIII - G - Romantico + Umoristico - COMPLETA - Pubblicato: 29/7/06 - Aggiornato: 17/2/07
ID Fanfiction: 767 - Commenti: 68
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction




Selphie stava ormai aspettando da mezz'ora sulla panchina davanti alla biblioteca...
(pensieri di Selphie) "UFFAAAAAAAAAAAAA che tipo, prima mi invita (cosa stranissima, solitamente sono io che organizzo tutto NDSelphie) e poi mi fa aspettare.. giuro che stavolta lo picchio!"
E poi eccolo arrivare di corsa.
"Insomma Irvine, dove eri finito? Scommetto che stavi di nuovo infastidendo le ragazzine appena arrivate!"
"Scusa scusa scusa! Ho fatto tardi vero? Scusami volevo che tutto fosse perfetto..."
"Cosa?"
"Niente niente, andiamo!"
"Daiiiiii dimmeloooooooooo"
"Hehehe è una sorpresa" Irvine la guardò col suo solito sorriso sarcastico stampato in faccia, ma con una strana luce negli occhi, che per un attimo lasciò la sua ragazza perplessa, poi si girò e si diresse verso il garage del Garden.

"Una motoooooooo??? Che bellooooooo!"
"Sì me la sono fatta prestare, stasera fa caldo pensavo che ti avesse fatto piacere un pò d'aria fresca"
"Sìììììì grazieeeeeeeee" Selphie si mise a saltellare e abbracciò di slancio Irvine, poi si mise il casco e saltò sul retro del sedile. "Partiamooooooo"

Furono a Balamb in men che non si dica.
"Dove mi porti? Andiamo al Sir Onion?"
"No, stasera cambiamo, ti va?"
(pensieri di Selphie) "Mamma mia come fa il misterioso stasera.. comincio a preoccuparmi!!"
Si diresse verso il porto, poi svoltò e arrivò quasi alla spiaggia; si fermò davanti a un localino che lei non aveva mai visto: un piccolo edificio circondato da palme, con una veranda arieggiata, vista mare. L'insegna fiocamente illuminata recava la scritta "Il Tomberry innamorato"
"Wooo che bello...."
"Ti piace? Me l'ha consigliato Rinoa, io sono imbranato in queste cose...." detto questo la precedette e le aprì la porta.
(pensieri di Selphie) "Mamma mia che emozione... mi batte forte il cuore.... ma che gli è successo... si comporta in modo strano! Dovrà farsi perdonare qualcosa? Eppure è da quando siamo ufficialmente insieme che si comporta bene... sbirciate e battutine sceme a parte!"

Ordinarono entrambi la specialità della casa, Spaghetti alla Piros, e champagne; cenarono a lume di candela.
Qualche tavolo più in là alcune ragazze di Balamb stavano festeggiando un compleanno; la maggior parte di loro (uffaaaaaa, tutte più carine di me, perchè sono così sfotunata! NDSelphie) continuavano a guardare il cowboy, a fare commenti sottovoce e ad emettere risolini arrossendo.
Eppure Irvine continuava a guardare lei, a guardarla negli occhi. Ogni tanto sembrava stesse per dire qualcosa, ma cambiava sempre idea. Sembrava non fosse a suo agio, proprio lui che prendeva tutto sottogamba!

Finirono di cenare con un bel dolce fresco, Irvine volle offrire a tutti i costi (e col misero stipendio Seed sappiamo tutti quanto dev'essere stato doloroso per il suo portafoglio) ed uscirono all'aria aperta.
Selphie si stava dirigendo verso la moto saltellando e canticchiando, ma il ragazzo la fermò. "Aspetta.. è presto. Facciamo una camminata lungo la spiaggia?"
Effettivamente questa era proprio la serata delle sorprese, pensò lei.

Fu una bella passeggiata, chiacchierarono del più e del meno, scherzando, riportando alla memoria vecchi episodi divertenti, il tutto cammimando a piedi scalzi lungo il bagnasciuga.
Arrivarono alla zona degli scogli, ormai la luna era alta nel cielo e si vedevano le stelle più belle; cominciava a fare fresco e quando selphie rabbrividì, il suo ragazzo le coprì le spalle con la giacca.
"Gra.."
"Selphie."
Lei si girò e lo vide serio, serio come mai non l'aveva visto.
"Ti ho portata qui perchè ti devo parlare di una cosa"
Il cuore della giovane Seed si fermò di colpo.
(pensieri di Selphie) "Oddio oddio oddio! Che cos'è quell'espressione?? Allora doveva davvero farsi perdonare qualcosa? Non vorrà mica mollarmi!"
Vedendo che non replicava, il cowboy continuò "Sai perchè io ho sempre fatto lo scemo con le ragazze?"
La domanda la colse alla sprovvista, fece cenno di no con la testa, ancora non riusciva a parlare.
"Quando lasciai la casa della madre da piccolo, mi sentivo solo. Ero solo. Non trovavo un modo per farmi accettare dagli altri per quello che ero, così cercai un modo per farmi notare, per essere sulla bocca di tutti. Volevo che la gente mi vedesse, parlasse di me. Così cominciai la mia carriera da maniaco, non ricordo nemmeno come. Ricordo che tutti ridevano quando sentivano le mie avventure, ricordo che tutti parlavano di me. Diventai popolare, anche se non proprio con un'ottima fama" Irvine si concesse un sorriso, che però sparì subito dal giovane volto. "Eppure ero ancora solo. Non importa quante ragazze portassi nel mio letto, non importa con quanti ragazzi mi vantassi delle mie conquiste, nessuno mi accettava per quello che ero".
A Selphie vennero le lacrime agli occhi; aveva immaginato che il motivo fosse quello, ma sentirselo dire da lui in persona era la conferma di quanto in verità lui fosse dolce e sensibile.
"Poi ti ho ritrovata. Il mio primo e unico vero amore"
Lui sorrise, mentre il cuore di lei riprese a battere, molto velocemente.
"Stando con te mi sono reso conto che non devo per forza fare lo scemo, anche se ormai per me è un'abitudine; stando con te posso finalmente essere me stesso."
(pensieri di Selphie) "Che dolceeeeeeee! Mi sto sciogliendoooo (infatti aveva cominciato a dondolarsi come una bambina timida)... Ma non capisco dove vuole andare a parare, c'è ancora qualcosa che non mi dice questo cattivone!"
"Seplhie... forse dovevo dirtelo prima: ti amo"
La ragazza si fermò, pietrificata, senza respirare. Altro che mollarla, lui le stava aprendo il suo cuore!
"A.. anch'io ti amo!! Stare con te è così bello! Io mi diverto, e poi con me sei così dolce! Non mi importa di come ti comporti davanti agli altri, per me quello che conta è come sei dentro!"
Lui si avvicinò, e la baciò; rimaserò lì abbracciati sotto le stelle per qualche minuto.
Poi lui mise la mano in una tasca ed estrasse un pacchetto.
"Cos'è?"
"E' la sorpresa di cui ti parlavo"
Lei gli rubò il pacchetto dalle mani e cominciò a scartarlo... niente!
Si girò infuriata ma lui le prese la mano, la aprì e le mise sul palmo... un anello.
Un piccolo anello dorato che recava inciso "Ho colpito molti bersagli nella mia vita, ma tu hai fatto centro nel mio cuore"
"Selphie, vuoi sposarmi?"

Lei non seppe cosa le era preso, sentì soltanto qualcosa venire a galla dal profondo del cuore e urlò a squarciagola "SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII", si buttò tra le sue braccia e lo baciò; fu un bacio bellissimo, appassionato e tenero, come mai Irvine ne aveva ricevuti nella sua vita.
Poi lei si stacco, saltellò un paio di volte, e svenne.

(pensieri di Irvine, mentre riportava la sua fidanzata in braccio verso la moto) "Bè, i saltelli e il bacio li avevo azzeccati, ma proprio non pensavo mi svenisse così!"






Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilità nè è perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, è necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non è a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.