S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

Moonlit Orchid ~ By AlessiaHeartilly
Final Fantasy VIII - R - Mistero + Giallo - Pubblicato: 24/5/11 - Aggiornato: 17/11/11
ID Fanfiction: 2219 - Commenti: 0
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction




Disclaimer: Final Fantasy VIII e i suoi personaggi sono un marchio registrato Squaresoft e vengono qui utilizzati senza alcuno scopo di lucro. Nessuna violazione del copyright è pertanto da ritenersi intesa.


Premessa dell'autrice: mi piacciono i thriller e i gialli, in qualunque forma: film, telefilm, libri, fumetti. Qualsiasi cosa. E così mi è successo che guardando i temi della community 15 flames, che attualmente non è più online, mi è venuta l'idea di provare a scriverne uno io. Un giallo, almeno. Un tentativo, se non altro. I titoli di ogni capitolo sono ispirati alla community che ho citato, e che per fortuna, vista l'idea, mi salvai. La decisione su chi usare come vittima mi è stata resa semplice da Ashbear: chi legge la sua After the Fall, che sto attualmente traducendo, potrà capire benissimo. Per tutti gli altri taccio, per non rovinarvi la sorpresa né nella mia storia, né in quella di Ashbear. Il titolo invece è stato scelto grazie a un generatore casuale di titoli (sì, mi sto vergognando di ammetterlo, tranquilli XD) che mi ha anche suggerito un elemento carino della storia.
Dato che questo è il mio primo esperimento nel genere, ogni vostro commento sarà utilissimo, sempre che consideriate la storia degna di perderci tempo a leggere e commentare^^ In particolare, vedere se capite chi è il colpevole sarà interessantissimo *_*!
Il rating si riferisce all'intera storia. E adesso fine con gli sproloqui, e buona lettura!


MOONLIT ORCHID
I. Join us


Rinoa sbirciò oltre la tenda rossa; la stanza era gremita di persone in attesa, ma c'era un silenzio strano che rendeva la situazione quasi inquietante.


Sospirò e si voltò a guardare se Squall era pronto; era intento a confabulare con Shu, mentre si sistemava i polsini della divisa. Non appena rimase solo, lei gli si avvicinò per accarezzargli un braccio con fare rassicurante. "Sicuro di volerlo fare tu?" gli chiese con dolcezza quando lui le cinse la vita, attirandola vicina.


"Sì, è un dovere mio," sospirò lui, passandosi la mano libera tra i capelli. "Anche se proprio non vorrei farlo. Edea... come sta, l'hai già vista?"


"Sì, l'ho vista, ma... te ne parlo dopo. Forse è meglio non parlarne nemmeno," disse Rinoa scuotendo la testa. Si strinse forte al suo petto e la voce le si spezzò quando sussurrò, soffocando le parole contro la sua giacca, "non riesco nemmeno a credere che sia vero..."


"Nessuno di noi ci riesce," constatò Squall. Stava per aggiungere altro quando Shu li raggiunse. "Devo andare," sussurrò poi a Rinoa, abbassandosi a sfiorarle le labbra più per darsi forza che per consolare lei. "Aspettami qui, ti prego," concluse infine stringendole la mano, rubando numerosi sguardi nella sua direzione mentre si avvicinava alla tenda rossa.


Il tempo degli ultimi ritocchi alla divisa e delle ultime raccomandazioni di Shu, e superò la tenda per affrontare la folla che riempiva la stanza.


Rinoa poteva sentire la raffica delle loro domande fino a lì, ma Shu chiese velocemente silenzio con fare professionale e distaccato. "Il Comandante del Garden di Balamb, Squall Leonhart, vi aggiornerà ora sulla situazione. Vi lasceremo poi alcuni minuti per le domande," la sentì dire dalla sua postazione. Fissò lo sguardo sui monitor che riprendevano la stanza. Gli occhi di Squall sembravano ghiaccio a tutto il mondo, ma per lei parlavano più della sua bocca.


Quistis e Selphie la raggiunsero, e le tre ragazze ascoltarono la dichiarazione successiva, stringendosi l'una all'altra per trovare conforto. Rinoa mantenne lo sguardo fisso sugli occhi di Squall - vuoti, spenti, stanchi. Addolorati.


"Confermo che il Preside del Garden di Balamb, Cid Kramer, è stato trovato assassinato questa mattina nella sua suite d'albergo di Fisherman's Horizon. Il Preside Kramer si trovava lì da alcuni giorni per delle trattative in corso tra la città e il Garden. Non abbiamo ancora notizie sull'ora e sulla modalità del... decesso," e qui Rinoa riconobbe uno spezzarsi della voce che aveva sentito solo poche volte in Squall, "ma stiamo già collaborando con le forze di polizia di Balamb per trovare il colpevole e assicurarlo alla giustizia. Questo è davvero tutto quello che possiamo dirvi per ora, ma possiamo assicurarvi che vi terremo informati."


Dietro la tenda, Quistis si asciugò furtivamente una lacrima, Selphie strinse forte la mano di Rinoa e lei continuò a fissare il suo fidanzato che rispondeva al muro di fuoco delle domande. I suoi occhi si facevano sempre più stretti, era sempre più difficile per lui resistere, ma ad un certo punto disse qualcosa che la stupì.


"Scusate, ma Cid Kramer per noi era più che il Preside del Garden," disse alzando una mano come se quello bastasse a bloccare le domande. "Stiamo vivendo un momento molto difficile e ora come ora ci risulta complesso concentrarci su cose come chi sarà il prossimo Preside. Vi prego di avere rispetto di questo," terminò. Fece cenno a Shu di continuare lei, e lasciò la stanza, fuggendo dietro la tenda rossa dove Rinoa si fiondò tra le sue braccia.


"Sei andato benissimo," gli sussurrò accarezzandogli la schiena. Squall ricambiò l'abbraccio, nascondendo il viso tra i suoi capelli, e aspirando forte il suo profumo come per calmarsi. Quistis e Selphie si avvicinarono dopo alcuni minuti, e tutti e quattro si abbracciarono. Non c'erano lacrime, ma la consapevolezza di essere rimasti orfani una seconda volta rendeva tutto insieme più adulto e più amaro.


Fu Squall il primo a sciogliersi dall'abbraccio. "Zell e Irvine?"


"Sono rimasti con Edea," rispose Quistis. "Non pensavamo che fosse il caso di lasciarla sola."


Lui annuì, e tornò a cingere la vita di Rinoa, mentre lei gli massaggiava il petto; era ancora piuttosto provato dall'esperienza della conferenza stampa - non era abituato a parlare alle persone se non in tempi di crisi, e dover affrontare le domande dei giornalisti a poche ore dalla scoperta della morte di Cid, quando nemmeno loro avevano ancora assorbito la notizia, era stata un'esperienza stressante, per lui.


Shu rientrò dalla sala con un grosso sospiro, e Squall le fece cenno di avvicinarsi. Sempre tenendo Rinoa per la vita, assunse un tono professionale e disse, "so che è difficile anche per voi, ma ho bisogno che facciate una cosa al più presto, tu e Quistis."


"Sì, signore," rispose Shu ancora prima di sapere di cosa si trattasse. Quistis si limitò a guardarlo, in attesa.


"La polizia di Balamb intende arrestare Seifer, che si trova in questo periodo a Fisherman's Horizon. Sapete benissimo che Seifer è il capro espiatorio preferito dell'opinione pubblica... ma non voglio che siano loro ad arrestarlo. Quistis, Shu... ho bisogno che lo andiate a prendere e lo portiate a bordo del Garden. Salperemo al tramonto. Portate con voi chi volete, se ritenete di aver bisogno di aiuto, ma scendete in abiti civili, non fate capire che siete SeeD. Cercate di destare meno attenzione possibile. Non appena Seifer sarà a bordo, convocherò una riunione e vi spiegherò tutto quanto. Potete farlo, per favore?"


"Sì, signore," risposero entrambe le ragazze, congedandosi per andare ad eseguire.


Dietro la tenda, la stanza si stava svuotando, e i giornalisti si lasciavano dietro un chiacchiericcio persistente, fruscii di carta e rumore di sedie che venivano spostate.


Squall, Rinoa e Selphie rimasero fermi fino a quando il silenzio tornò a circondarli, tenendosi per mano e cercando di trovare forza da qualche parte.


Era davvero tutto troppo adulto e troppo amaro.


*~*~*~*~*


Quel giorno il sole era caldo. Tirava un leggevo venticello che rendeva l'aria un po' più fresca, chiaro indizio di un autunno in rapido avvicinamento; e il molo era l'unico punto tranquillo della città.


Erano due i motivi per cui Seifer era lì: primo, la morte di Cid, così improvvisa e violenta, era stata scioccante anche per lui. Per quanto fosse strano a dirsi, Seifer era affezionato a tutto quello che era in qualche modo legato al Garden: ricordava sempre con una punta di nostalgia la sua vita là, scandita dalle lezioni, dagli allenamenti, dalle battaglie con Squall e dai soprusi del Comitato Disciplinare nei confronti degli studenti. Sorrise malinconicamente al pensiero del suo comitato - proprio suo, che non era mai stato ligio alle regole e ai doveri.


E secondo... aveva bisogno di stare tranquillo, e c'era troppo movimento in città. Fisherman's Horizon era un luogo che non conosceva armi e guerre: era semplice, pacifica, dedita alla tutela dell'integrità di persone, cose e animali, ed era da questo spirito pacifista e rispettoso che nasceva l'immane impianto a pannelli solari che costituiva il centro della città, il fiore all'occhiello degli ingegneri fuggiti da Esthar tanti anni prima, uno schiaffo in faccia a coloro che avevano reso i dintorni di Esthar City quello che era oramai noto come il Grande Lago Salato. In un posto del genere, un assassinio efferato come quello di Cid Kramer, così cruento, così rabbioso, era destinato a suscitare clamore e a rendere nervosi gli abitanti.


Inoltre, ma questo non lo avrebbe mai ammesso, aveva semplicemente paura. Da cinque anni, da quando i dettagli sulla guerra contro Artemisia erano stati lentamente divulgati al pubblico, Seifer viveva in un limbo, sospeso tra il desiderio di trovare la tranquillità per riflettere su quel periodo e la realtà, molto più dura e prosaica. Per l'opinione pubblica, Seifer Almasy aveva praticamente attentato all'esistenza dell'umanità; per l'opinione pubblica, la sua presenza non portava mai a nulla di buono. Ecco perchè a volte si rifugiava a Fisherman's Horizon - ed ecco perché non era una buona idea trovarsi nello stesso posto dove era stato compiuto un omicidio.


Il galleggiante non dava segno di muoversi, e il sole del pomeriggio gli picchiava sulla nuca. Avrebbe preferito che fosse agosto, che il sole picchiasse così forte da intontirlo, da non farlo pensare, e facesse luccicare il mare con tanta forza da rendergli impossibile controllare se qualche pesce si decideva ad abboccare. Ma era quasi ottobre, e il sole era ancora caldo ma non abbastanza da stordire, e il vento era fresco ma non abbastanza da irrigidire, e la luce del giorno iniziava a sbiadire. Presto le giornate sarebbero state troppo brevi, e le notti troppo lunghe, e il buio sembrava fatto apposta perché gli esseri umani pensassero a tante cose che durante la giornata scivolavano invece nell'oblio delle occupazioni quotidiane. Di notte a Seifer venivano in mente tante cose: i missili su Balamb, gli inganni di Artemisia, le tombe di Trabia, e le centinaia di urla durante lo scontro tra i Garden - urla di terrore, urla di agonia, urla di chi vuole vivere e sa che potrà solo morire. E spesso, morire atrocemente.


Era per questo che Seifer preferiva l'estate. Le notti erano più brevi.


Qualcuno stava scendendo lungo la scala del pilastro dell'ascensore. Era davvero temerario, quel qualcuno - la scala traballava ad ogni passo, e sembrava pronta a staccarsi da un momento all'altro. Poi sentì un rumore di passi che si avvicinava a lui e si scocciò. Avrebbero spaventato i pesci.


Dietro di lui, qualcuno si schiarì la voce. Sospirò e si arrese - era il momento di fare il bravo capro espiatorio; per fortuna si era allenato a farlo per cinque anni.


Si voltò e si stupì nel vedere Quistis e Shu, in abiti civili, che lo guardavano a braccia conserte. Più indietro, appena giù dalla scala, due SeeD erano in attesa. Non avevano la divisa, ma non ce n'era bisogno - bastava guardarli per capire.


"Wow," disse sarcastico. "Vengono a prendermi addirittura i pezzi grossi?"


"Non siamo qui per scherzare, Seifer. Immagino che tu sappia che il Preside Cid è stato assassinato questa notte," iniziò Shu.


"Sì, l'ho sentito dire in città," rispose lui, rifugiandosi nell'atteggiamento strafottente che gli si adattava così bene.


"Abbiamo l'ordine di portarti al Garden, con o senza la tua collaborazione," intervenne Quistis. "Per cui... semplifichiamoci le cose e seguici senza fare troppe domande. Avrai più spiegazioni più tardi."


"Sono in arresto?" chiese lui, incrociando le braccia. Se volevano arrestarlo di certo non avrebbe collaborato. Avrebbe preferito litigarsi l'esca col pesce che cercava di prendere da un'ora.


"Ti stiamo solo chiedendo di venire al Garden con noi. Non dobbiamo dare nell'occhio, Seifer, per cui la tua collaborazione è fondamentale," glissò Shu.


"Ma sono in arresto?"


L'insistenza di Seifer stava iniziando a dare sui nervi a Quistis, già a fior di pelle per gli eventi della giornata. "Te lo spiegheremo più tardi," rispose però, cercando di trattenersi: in fin dei conti, a parti invertite avrebbe voluto anche lei che le cose fossero più chiare. "Ti stiamo dicendo tutto quello che possiamo dirti qui. Se verrai con noi, saremo in grado di spiegarti di più. La segretezza è fondamentale-"


"Oh, lo so," fece lui. "La famigerata segretezza dei SeeD."


"Vieni o no?" tagliò corto Quistis.


"Se ci tenete," rispose lui facendo spallucce. Tirò su la canna da pesca, la sistemò con calma, e quando ritenne di essersela presa abbastanza comoda, si voltò verso le due ragazze. "Mi ammanettate?"


"No," rispose Quistis, avvicinandosi in modo che i due SeeD in fondo non potessero sentire. "Ti stiamo solo portando al Garden. Qualsiasi cosa ci venga chiesta, la tua presenza è richiesta perché Cid ti voleva al suo funerale. Si terrà in alto mare."


Seifer non se la bevve, ma assecondò le due SeeD e permise ai loro due accompagnatori di camminargli al fianco, mentre risalivano verso il Garden. Coprirono la distanza in perfetto silenzio, e quando la porta del ponte al secondo piano si chiuse dietro di loro, Quistis fece cenno ai due ragazzi di andare pure. "Avvisate il Comandante che Seifer è a bordo, e ditegli che il corpo del Preside ci verrà consegnato nel giro di un'ora. Consegnategli questo biglietto e poi sarete liberi."


I due ragazzi salutarono e si allontanarono per eseguire gli ordini; quando furono abbastanza lontani da non sentire, Quistis si voltò verso Seifer. "Ti accompagniamo nella tua stanza."


"Ho una stanza?" chiese lui, sempre sarcastico, ma le due ragazze non risposero.


L'atmosfera che si respirava nel Garden era diversa; come opprimente, come irrespirabile, come impossibile. Eppure, si disse Seifer mentre camminava per i corridoi e gli studenti lo guardavano incuriositi, era come se qualcosa non fosse mai cambiato: c'era sempre quella luminosità che non aveva mai trovato in nessun altro luogo, e il suono rinfrescante e rilassante dell'acqua che scorreva nelle fontane, e in generale dava l'idea di un posto dove si poteva stare bene. Seifer non aveva quella sensazione da tantissimo tempo.


Quistis e Shu svoltarono nel dormitorio, e poi nell'ala riservata agli ospiti. Convinto com'era di essere in arresto, Seifer si stupì parecchio, ma le due ragazze non davano segno di volergli parlare: evidentemente eseguivano degli ordini, o forse, molto più semplicemente, tornare in un posto dove il lutto era così intenso le rendeva meno loquaci. Shu aprì la porta della camera e si fece da parte per farlo entrare.


"Per quello che vale," disse Quistis, dopo aver controllato che tutto fosse in ordine nella stanza, "Cid ti voleva davvero al suo funerale. Ce lo ha detto Edea in persona. Per cui... so che non ci credi, ma posso assicurarti che è vero."


Seifer si sedette sul letto senza dire nulla - i ricordi stavano diventando ingombranti. Il posto, Edea, Cid, il tornare a far parte di un gruppo da cui si era sempre sentito escluso... tutto iniziava a girare vorticosamente e lui voleva solo tornarsene a pescare e dimenticarsi che Cid Kramer, l'unico padre che avesse mai avuto, era stato barbaramente ucciso, e che Edea Kramer, la donna che era stata la madre amorevole e la matrigna crudele, per lui, aveva pensato a lui in quel momento di dolore. Che tutti loro avessero pensato a lui in un momento di dolore.


Sapeva di accettazione, e unione, e solidarietà, e non era in arresto. Non c'era pregiudizio. C'era quasi fiducia, forse.


"Perché sono qui?" chiese, quasi a se stesso, senza alcuna traccia di sarcasmo e strafottenza.


Shu sospirò. "Sei qui per l'omicidio del Preside Cid, ma non come pensi tu."


Lui le guardò entrambe senza capire.


"Un'ora fa, poco prima della conferenza stampa, Zell ha chiamato a Balamb per avere gli ultimi aggiornamenti delle indagini. La polizia era intenzionata ad arrestarti per l'assassinio, senza alcuna prova certa," continuò Quistis. "Non possiamo ancora dirti niente di preciso... ma finché rimani qui, nessuno potrà arrestarti, tranne la SeeD."


"E salperemo non appena ci sarà consegnato il corpo di Cid," terminò Shu.


Le ragazze lo guardavano come se si aspettassero che lui capisse. Quando Shu vide che in realtà non stava capendo, alzò gli occhi al cielo e sollevò le mani in un equivocabile gesto che diceva 'non posso crederci'.


"Ti stiamo proteggendo," disse infine Quistis.


In quel momento, Seifer si sentì confuso come non era mai stato in vita sua.


*~*~*~*~*


Alle cinque del pomeriggio, dieci ore dopo il ritrovamento del cadavere di Cid Kramer, Squall, Zell, Irvine, Nida e alcuni altri SeeD stavano portando a spalla la bara del loro Preside verso il salone delle feste, dove avrebbe ricevuto l'estremo saluto del suo Garden.


Le ragazze attendevano il loro arrivo insieme ad Edea; "cerca di toccarlo poco," le sussurrò Squall, quando ebbero sistemato la bara sui cavalletti. Non c'era stato bisogno di un lungo esame sul corpo: era stato fin da subito lampante che la causa del decesso erano dieci profonde coltellate al petto, che avevano lasciato il Preside ad agonizzare mentre moriva dissanguato. L'implicazione della SeeD, e la necessità di partire al più presto per il Garden, aveva accelerato i tempi. Ma alla riconsegna del corpo, quando su esplicita richiesta di Squall la bara era stata lasciata aperta, per permettere a Edea di vedere per l'ultima volta suo marito, erano fioccate raccomandazioni su come andava toccato poco sul petto. Squall non le capiva - il corpo sarebbe stato cremato, secondo il rito di Balamb, il giorno dopo, e poi, per rispettare il desiderio del Preside, le ceneri sarebbero state sparse in alto mare.


Edea sembrò non sentire le raccomandazioni di Squall. Non appena il coperchio fu sollevato, si fiondò accanto alla bara del marito e posò una mano sulle sue, mentre con l'altra gli accarezzava i capelli. Non c'erano singhiozzi, ma i ragazzi non si stupirono: la notizia della morte del marito l'aveva sconvolta così tanto che per calmare gli scoppi di pianto la dottoressa Kadowaki aveva dovuto somministrarle dei tranquillanti. Edea era praticamente rimasta sedata tutto il giorno, e non era mai rimasta sola. In quel momento, sembrava che non si rendesse nemmeno conto della loro presenza nella stanza; era tutta concentrata sul viso di suo marito, l'unica parte del corpo che era rimasta scoperta, e non sentiva altro che il suo dolore. Non smetteva di toccarlo nemmeno per asciugarsi le lacrime.


"Sei già freddo," sussurrò ad un certo punto, con la voce spezzata.


Rinoa lanciò uno sguardo a Squall, e quando lui annuì gli si avvicinò per abbracciarlo. Irvine abbracciò Selphie da dietro, mentre lei cercava inutilmente di asciugarsi le lacrime. Zell spostava continuamente il peso da una gamba all'altra, come se non fosse capace di restare fermo, ma si sforzasse di farlo per rispetto di Edea. Quistis si dava da fare a sistemare qualsiasi cosa le sembrasse fuori posto nel salone, per non dare a vedere di star piangendo.


"Shu," sussurrò Squall facendole cenno di avvicinarsi. Lei annuì, accarezzò la bara del Preside a mo' di saluto, e si avvicinò. "Forse Seifer vorrà vederlo," disse, guadagnandosi uno sguardo stupito da Rinoa, ancora stretta a lui, e dalla SeeD che li aveva appena raggiunti. "Puoi sentire se gli va di salire?"


"Certo," rispose la ragazza, e dopo un ultimo sguardo alla bara uscì dal salone. Nel silenzio, i suoi passi parvero echeggiare ancora di più.


Squall cercò con lo sguardo Nida, e gli fece cenno di avvicinarsi. Il suo saluto fu molto più riservato, meno emotivo; tuttavia non nascose un certo turbamento quando passò accanto alla bara. Giunto davanti al Comandante, si mise sull'attenti. "Quando hai finito qui," sussurrò Squall per non farsi sentire da Edea, "fa tutti i preparativi per la partenza. Dobbiamo salpare entro le diciassette e trenta."


"Vado subito, signore," rispose Nida, e si avviò al ponte di comando senza un secondo sguardo alla bara di Cid.


"Sei diventato più sensibile," sussurrò Rinoa, guardando il suo fidanzato. Lui fece spallucce, come a dire che non era vero, ma lei gli posò una mano sul petto, e con l'altra lo costrinse a guardarla. "Solo un paio di anni fa, non avresti mai pensato che forse Seifer voleva rivederlo, e non avresti mai detto a Nida di andare quando avrebbe finito qui."


Squall sospirò, e stava per risponderle, ma in quel momento Seifer entrò nella stanza, con Shu che lo seguiva a rispettosa distanza.


Nessuno si mosse, nessuno disse nulla; annuirono solo in direzione del nuovo arrivato, in un saluto silenzioso. Seifer si avvicinò lentamente alla bara, come timoroso di disturbare il dolore di Edea, così privato, così straziante, così unico. Così composto.


Fu l'unico momento in cui Edea alzò gli occhi dal marito. Con la coda dell'occhio aveva visto il soprabito grigio di Seifer, e in un riflesso di ricordo aveva sollevato lo sguardo sul suo figlio perduto. Il sorriso che gli rivolse si impresse come un marchio a fuoco nella mente di Seifer: era insieme addolorato, malinconico, sollevato e felice. Un miscuglio impossibile davanti a cui non riuscì a tenere alti gli occhi. Abbassò lo sguardo e in fondo, in un posto dell'occhio che non credeva di avere più, si sentì pizzicare da una lacrima fredda che gli solcò il viso. Si passò rabbioso una mano sulla guancia.


Edea lo fermò, senza dire nulla. Portò la mano unita a quella di Seifer sul petto di Cid.


L'unico rumore a spezzare il silenzio opprimente dei respiri turbati dalle lacrime fu lo scossone del Garden che si staccava dal molo di Fisherman's Horizon e salpava per il mare aperto.


*~*~*~*~*


Squall si sfregò gli occhi; stava arrivando un mal di testa, uno di quelli lancinanti che turbavano le sue giornate da circa un mese.


"Hey," sussurrò Rinoa, sistemando i fogli sulla scrivania e avvicinandosi a lui. Gli scostò con dolcezza i capelli dal viso, accarezzandogli una guancia. "Stai bene?"


"Solito mal di testa," rispose lui, prendendole la mano e baciandola. "Va tutto bene. Deve essere lo stress. Questa situazione è..." Si interruppe e tirò la mano di Rinoa per farla sedere in braccio a sé, e le strinse le braccia intorno.


Lei si sistemò più comodamente e gli accarezzò i capelli, e stava per dirgli qualcosa per consolarlo quando qualcuno bussò alla porta. "Avanti," disse sicuro lui, aprendo il cassetto della scrivania per prendere un'aspirina. Rinoa si alzò, si lisciò il vestito e attese che tutti furono entrati.


"Direi che ci siamo tutti," esordì Squall, continuando a rovistare nel cassetto alla ricerca del medicinale. Rinunciò a cercarlo perché la riunione doveva iniziare, e cercò di ignorare la spinta dolorosa dietro l'occhio destro che gli faceva quasi vedere doppio. "Allora. Come sapete... il funerale avrà luogo domani al tramonto, in mare aperto. Ci sono due motivi per questo... il primo è che era un desiderio esplicito di Cid. Il secondo è essenzialmente proteggere Seifer."


"Proteggerlo?" intervenne Irvine, che essendo rimasto con Edea insieme a Zell non aveva capito il reale motivo della presenza di Seifer a bordo.


"Sì, proteggerlo," rispose Squall annuendo. "Stamattina la polizia di Balamb sembrava assolutamente intenzionata a incolparlo dell'omicidio. Lo hanno ammesso direttamente con Zell," e qui fece cenno al suo amico, che annuì per confermare l'affermazione. "Ma Seifer è conosciuto a Fisherman's Horizon. L'albergatore ci ha assicurato che la persona che è entrata non era lui, perché lo avrebbe riconosciuto, ma non ha saputo darci una descrizione dell'assassino. La polizia di Balamb ritiene che la popolazione di FH voglia proteggere Seifer. Per cui ho deciso di farlo salire a bordo. Cid ha lasciato una specie di testamento spirituale in cui ci chiede di aiutarlo. E portarlo a bordo, giustificandomi con il funerale, è l'unico modo in cui attualmente posso farlo."


"Quindi come procediamo?" chiese Quistis.


"Dobbiamo indagare da qui. Non possiamo attraccare, altrimenti Seifer verrà arrestato. Finché rimaniamo in alto mare, lui è al sicuro. Per cui dobbiamo scoprire chi ha ucciso Cid prima di tornare a terra, e possibilmente dobbiamo avere prove. Sarà ancora più difficile perché saremo lontani... cercare testimoni, prove e quant'altro sarà ancora più difficile. Ci serve ogni aiuto possibile. Anche quello di Seifer," concluse.


"Come fai ad essere sicuro che non sia stato Seifer? In fin dei conti può essere vero che a FH lo stiano proteggendo," intervenne Selphie..


"Per colpa mia," rispose Rinoa. "I miei poteri sono... inquieti, come se mi volessero segnalare qualcosa. Quando Cid era al Garden, percepivo una specie di pericolo. Non so spiegarlo meglio, è solo una percezione generica. Ma quando Cid è sceso a FH, e quando è stato assassinato, io non ho percepito nulla, come se il pericolo si fosse allontanato."


"Questo ci fa credere che l'assassino sia interno al Garden," disse Squall.


"Non ho capito bene. Cid era a bordo e quindi tu percepivi il pericolo?" chiese Selphie. Rinoa annuì. "Ma scusa... così sembra quasi che il pericolo fosse Cid..."


"Non mi sono spiegata bene. Cid è sceso a terra in tarda mattinata. Io ho percepito qualcosa per tutta la giornata, fino a iera sera. All'improvviso poi si è placata quella sensazione."


"E come siete sicuri che significhi qualcosa? Non potrebbe essere una coincidenza?" domanzò Zell, ancora poco convinto.


"Ho contattato Laguna," rispose Squall. "E ho chiesto di parlare con Odine. Lui ha confermato. Le Streghe percepiscono se un Cavaliere, anche di un'altra Strega e anche se non lo è più, come nel caso di Cid, si trova in pericolo. Non avvertono precisamente che tipo di pericolo e da chi, ma hanno una sensazione generica."


"Capisco," disse Quistis. "Quindi possiamo dire che Rinoa ha smesso di percepire pericolo quando l'assassino è sceso dal Garden, giusto?"


"Esatto," annuì Rinoa. "Secondo Odine, è anche una questione di vicinanza."


"Questo ci rende praticamente sicuri che l'assassino è uno del Garden," osservò Squall.


Attese che tutti avessero assimilato la notizia, e poi si rivolse a Rinoa. "Per favore, puoi andare a prendere Seifer? Voglio spiegare meglio quando ci sarà anche lui."


Lei annuì, e si avviò alla porta. Aveva appena posato la mano sulla maniglia quando Squall la richiamò.


"E ti prego, portami un'aspirina."


*~*~*~*~*


Seifer si era messo comodo.


La stanza era decisamente migliore di quella a cui aveva avuto diritto da studente - quella doveva condividerla con uno scemotto che tremava quando vedeva un mostro più grande di un Lesmathor, mentre questa... questa era tutta sua. Per non parlare della stanza in sé: si trovava nell'ala che il Garden dedicava ai suoi ospiti esterni, e li trattava davvero bene. Certo, era logico; d'altra parte quegli ospiti andavano trattati con riguardo, se non si volevano perdere i loro preziosi guil. Alla fine girava tutto intorno ai soldi, e Seifer scosse la testa amareggiato.


Era cambiato, si disse. Quel pensiero qualche anno prima gli avrebbe fatto fare uno di quei suoi famosi sorrisi da presa in giro.


Uno di quelli a cui Quistis rispondeva con una piccola ma intollerabile umiliazione.


Non riuscì a continuare lungo quel filo di pensieri, perché qualcuno bussò alla porta. Andò svogliatamente ad aprire e si trovò davanti Rinoa. "Hey," le disse, appoggiandosi spavaldo allo stipite. "Capisco che Squall sia noioso, ma che tu corra già da me mi sembra esagerato."


"Piantala," disse Rinoa scuotendo la testa. "C'è una riunione. Squall mi ha mandato a prenderti. Vuole che tu sia presente."


"Peccato," rispose lui scrollando le spalle, e poi uscì, chiudendo la porta.


"Seguimi." Rinoa si voltò e iniziò a camminare verso il corridoio circolare principale, da cui avrebbero preso l'ascensore.


"Lo so dov'è l'ufficio del Preside..." disse lui, più per fare conversazione che altro.


"Le cose sono un po' cambiare," ammise Rinoa. "Quando abbiamo fatto muovere il Garden l'ufficio del Preside è praticamente scomparso. Ora al suo posto c'è la cabina di comando, ma per lo più ci va solo Nida, che è il nostro pilota ufficiale, e Squall per comunicare cambi di rotta. O per emergenze."


"Capisco... quindi dove si va?"


"Sempre al terzo piano, ma è un po' un labirinto. In pratica finita la guerra abbiamo dovuto rifare quasi tutto il terzo piano. Se non ci sei mai stato prima, difficilmente saprai dov'è l'ufficio giusto."


Ci fu un momento di silenzio, interrotto solo dal rumore dei tacchi di Rinoa sul pavimento di marmo.


"Sei felice con lui?" domandò Seifer a bruciapelo, senza nemmeno sapere perché.


Lei sorrise, mentre entravano nell'ascensore. "Sì, davvero tanto," rispose, senza il desiderio di elaborare. Per lo meno non con Seifer.


"Bene. Altrimenti gli facevo un'altra cicatrice."


Rinoa ridacchiò soltanto, e poi tornò seria, quasi malinconica.


Lui si schiarì la voce e decise di fare la domanda che più gli premeva. "Proteggermi è un'idea di Squall?"


"Sì," rispose lei senza guardarlo.


"E come fa a essere sicuro che non sia stato io ad ammazzare Cid?"


Rinoa sospirò profondamente, chiudendo gli occhi e appoggiandosi alla parete dell'ascensore. "I miei poteri hanno percepito un pericolo interno al Garden. Tu non ne fai parte, quindi..."


"Questo mi esclude. Capisco. E gli basta?"


"Abbiamo verificato questa teoria anche con il dottor Odine. Una Strega percepisce se un Cavaliere, anche se non è il suo, è in pericolo. Sono stata parecchio inquieta, in questi giorni. Riteniamo che sia per questo motivo."


Seifer tacque, riflettendo sulla notizia. Nemmeno lui ne era al corrente. "Sì, ma... non è poco?"


Rinoa sospirò nuovamente. "Per la polizia di Balamb, ovviamente lo sarebbe... ma nessuno sa che io sono una Strega. Uscirmene a dire che lo sono, per poi dimostrare che sei innocente sarebbe poco credibile. Per via del nostro rapporto in passato, e del tuo legame con il resto del gruppo, sembrerebbe che siamo disposti a tutto per salvarti. Per cui abbiamo deciso di tenere nascosto anche questo. Ufficialmente sei qui per il funerale. Ufficiosamente, però, è l'unico modo che abbiamo per guadagnare tempo. Se la polizia di Balamb ti arrestasse, ti condannerebbero in fretta, più di quanto pensi. E a noi quel tempo serve."


"Capisco," disse Seifer pensoso.


"In più," aggiunse Rinoa mentre le porte dell'ascensore si aprivano, "nessuno di noi crede che tu sia colpevole."


La notizia sembrò stupirlo ancora più di quanto era successo quel giorno. "E perché?"


"Perché ti conosciamo."


*~*~*~*~*


"Eccoci," disse Rinoa entrando e facendo cenno a Seifer di seguirla.


Lui entrò piuttosto timidamente - d'altro canto non si vedevano da cinque anni. Era normale un po' d'imbarazzo al primo incontro, no? Non sarebbe sembrato un gallinaccio come Zell, no?


Rinoa gli fece cenno di sedersi su una delle sedie libere, e si avvicinò a Squall, porgendogli l'aspirina che lui le aveva chiesto, con un bicchiere d'acqua che aveva recuperato fuori dall'ufficio grazie a Nida. Lui la inghiottì immediatamente, e poi le fece cenno di sederglisi accanto, mentre iniziava a parlare.


"Seifer," esordì. "Sai perché sei qui?"


"A quanto ho capito il Garden mi sta proteggendo," rispose Seifer, ancora poco convinto.


"Esatto," rispose Squall, stringendosi le dita alle tempie. Il mal di testa diventava ad ogni secondo più martellante. "Stamattina come sai Cid è stato trovato assassinato nella sua stanza all'albergo di FH. Poche ore dopo, Zell ha parlato con la polizia di Balamb, che era fermamente intenzionata ad arrestarti. Lo è tuttora, probabilmente,"continuò appoggiandosi allo schienale della sua sedia. "Ma noi dubitiamo che tu abbia ucciso Cid."


"Per la sensazione di Rinoa?"


"Per questo, e anche perché nessuno in città ha riconosciuto te come la persona che è entrata all'albergo. Inoltre io sono convinto che non lo avresti mai ucciso. Lui era praticamente la ragione per cui tu sei ancora vivo. E i legami di gratitudine con chi ti salva la vita tu li consideri sacri. Questo lo so bene."


I due uomini si fissarono a lungo. Nella stanza c'era un silenzio carico di nostalgia, di tempi perduti, di come sarebbe stato se. Di ricordi d'infanzia, di adolescenza, di scherno e rispetto, di amicizia e di guerra, e di perdono e di pace.


Fu Seifer a parlare per primo. "Per quello che può valere la mia parola, non ho ucciso Cid."


Squall annuì semplicemente, e anche gli altri fecero lo stesso.


"Perché siamo riuniti qui?" chiese allora Seifer.


"Non possiamo scagionarti con la sensazione di Rinoa. Nessuno attualmente sa che è una strega, a parte noi, Cid, Edea e il governo di Esthar. Nemmeno Caraway lo sa. Ho pensato che se Rinoa si esponesse adesso per scagionarti sarebbe poco credibile. L'unico effetto sarebbe rafforzare l'idea che l'assassino sei tu. E non possiamo permettercelo," iniziò Squall. "Zell, puoi continuare tu?" Parlare diventava sempre più fisicamente doloroso.


"Certo," rispose l'altro. "La polizia di Balamb non ha alcuna prova certa che Seifer sia l'assassino. Tuttavia l'opinione pubblica su Seifer è... categorica, a dir poco. Credo non ci sia bisogno di spiegarmi oltre," disse Zell, e tutti annuirono, a parte Seifer che fece un suono strano, come quello di un sorriso incredulo e sarcastico. "Bene. Stamattina, quando li ho contattati, gli investigatori erano intenzionati ad arrestarti," continuò rivolto direttamente a Seifer. "Credo che intendessero arrestarti prima ed eventualmente indagare dopo. Ma quando io e Sakura, la mia ragazza, siamo scesi a FH per sapere quando avremmo potuto riavere il corpo, abbiamo capito che nessuno in città ti riteneva colpevole. L'albergatore non ha saputo darci una descrizione della persona che ha visto scappare, ma è sicuro al cento per cento che non sei tu. Ha detto che era troppo basso e troppo magro per essere te."


"Nessuno però ha potuto darti un alibi," intervenne Quistis. "Nessuno sa dove fossi quando Cid è stato ucciso. Al di là della descrizione vaga dell'albergatore, non abbiamo niente, a questo punto."


"Ed è per questo che abbiamo deciso di farti salire a bordo," spiegò Shu. "Fino a quando non avremo chiarito dove eri tu e chi era la persona che è scappata, ti proteggeremo."


"Non capisco come," borbottò Seifer, che cominciava ad avere l'inquietante sensazione che qualcuno volesse incastrarlo.


"Sfrutteremo quello che Cid ha fatto in passato," disse Squall. "Alla fine della guerra, Cid ha fatto valere il peso del nostro impegno nella sconfitta di Artemisia per salvarti. Ha praticamente preteso che il Garden fosse considerato come una nazione indipendente."


"E questo che vuol dire?" chiese Seifer.


"In pratica, Cid ha ottenuto che il Garden potesse amministrare da sé alcune funzioni, come quella della giustizia. Questo ci ha reso indipendenti da qualsiasi altra nazione volesse sfruttarci, come ha fatto Galbadia con il suo Garden. In più, ci permette di giudicare noi stessi, secondo un codice interno, tutti coloro che fanno parte del Garden," disse Shu.


"In pratica," intervenne Rinoa. "Tu vivevi al Garden. Questa era la tua casa. Anche se non eri un SeeD, la tua residenza formale era qui."


"Nessun'altra nazione aveva il potere di giudicarti, se non il Garden di Balamb," affermò Quistis.


Ora lo stavano guardando tutti, e Seifer si sentì insieme accettato ed estraneo.


"Nella persona di Cid, il Garden di Balamb, cinque anni fa, ha stabilito che il tuo coinvolgimento nella guerra fosse secondario e dovuto a manipolazione. Non ti ha considerato perseguibile per un reato... era come se tu non fossi in grado di capire cosa stavi facendo," disse Squall. "E questo ci torna utile anche adesso. Tu vivi a FH, ma finché sei nel Garden nessuno può arrestarti. E finché il Garden rimane in mare aperto, non è possibile stabilire in che nazione ti trovi. E in ogni caso, faremo in modo di stare il più possibile in acque esthariane. Laguna ci ha assicurato la sua collaborazione."


"Tutto questo solo per proteggermi?" chiese Seifer, sbalordito.


"No." Squall si alzò e si voltò a guardare fuori dalla sua finestra la cittadina di FH che si allontanava sempre di più. "In realtà, lo scopo è un altro."


"Sarebbe?"


"Unisciti a noi," rispose il Comandante, voltandosi appena.


"Cosa?!" Seifer decise: non ci stava capendo più niente. Quelle non erano le persone che in teoria avrebbero dovuto essere ben felici di una sua condanna?


"Cid era un padre per tutti noi," continuò Squall, voltandosi del tutto a guardare il gruppo. "Non possiamo accettare che chi l'ha ucciso rimanga impunito, così come non possiamo accettare che l'omicidio venga attribuito secondo criteri... discutibili."


"A dir poco," borbottò Seifer sotto voce.


"D'ora in poi abbiamo bisogno di tutto l'aiuto possibile per scovare il colpevole. Dovremo farlo dal mare aperto, però. Per cui ci servi anche tu. Tu conoscevi FH, i suoi abitanti... se qualcosa non torna, tu lo saprai meglio di noi. Unisciti a noi."


Seifer scosse la testa, incredulo. Tutti lo stavano incitando ad accettare, ma lui non era sicuro di poterlo fare: alla fine non sarebbe sembrato anche quello un modo come un altro per scagionarlo? Certo, lui non aveva ucciso Cid, e l'idea di doversi difendere da quell'accusa lo faceva imbestialire... ma non era forse proprio per questo che forse avrebbe meglio a non indagare? Dove si era mai sentito che un indiziato potesse dare una mano alle indagini?


Aveva quasi deciso di dire no, e di lasciargli fare il capro espiatorio, ma quando alzò lo sguardo, tutti quelli occhi puntati su di lui, fiduciosi e in attesa, smossero qualcosa dentro di lui. Quelle erano le persone che lui aveva praticamente tradito, ma adesso... volevano aiutarlo. Erano disposte a tutto per aiutarlo.


"Farò quello che posso," borbottò.


Squall gli si avvicinò e gli tese la mano. "Benvenuto tra noi, allora."


*****
Nota dell'autrice: ed ecco qui. Come vedete non ho ucciso nessuno di fondamentale XD
Prima cosa: lo so, ho troppe storie in ballo. Tranquilli, credo di star entrando nel periodo denominato "voglio 56 ore al giorno per scrivere!"
Grazie come sempre a Little Rinoa che mi ha betato la storia, grazie in anticipo a tutti voi di aver letto e, se lo farete, di aver commentato, e per le risposte a commenti, critiche e domande vi rimando al mio solito post sul mio blog Wide Awake (qui o qui, tanto è lo stesso post in due blog diversi). Grazie e alla prossima! – Alessia Heartilly







Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilitā nč č perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, č necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non č a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.