S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

Il futuro di un cavaliere ~ By GarethDrake
Final Fantasy VIII - PG-13 - Azione/Avventura + Umoristico - Pubblicato: 12/3/09 - Aggiornato: 21/7/09
ID Fanfiction: 2045 - Commenti: 6
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction




Eh sì. Erano passati tanti anni da quando se n'era andato dal Garden per fare disastri in giro per il mondo.

Era stato uno dei Cavalieri della Strega più sfigati nel corso della storia... ma lo era stato, e ne era fiero.

Poi tutto era finito; era tornato a Balamb, se n'era andato, lo avevano cercato... bè, alla fine di tutto questo casino megagalattico, si era diplomato. Ebbenesì, alla fine aveva superato quel dannato esame Seed, nonostante il suo supervisore fosse quel cretino di Squall.

E da allora aveva cominciato a divertirsi.

"COMUNICAZIONE INTERNA: IL SEED SEIFER ALMASY E' ATTESO IN PRESIDENZA"

...Che palle.

 

Seifer uscì dal dormitorio a passi lenti, deciso a godersi fino alla fine gli ultimi momenti di libertà per chissà quanto tempo.

Lungo la strada diversi studenti ed alcuni dei Seed più giovani si scansarono velocemente per lasciarlo passare; certo, non era una leggenda di virtù e rettitudine come l'adorato e venerato Comandante, ma era pur sempre una leggenda all'interno del garden.

Le labbra gli si piegarono in un sorriso sarcastico.

 

Uscito dall'ascensore si diresse verso l'ufficio del preside, da dove in quel momendo stava uscendo la Madre.

"Heilà, vecchia ciabatta! Come va?"

Il thundaga che gli venne scagliato contro lo rispedì diretto nell'ascensore, con tanto di "Ping!" mentre le porte si richiudevano.

"Però, suscettibile stamattina!"

Prima di uscire di nuovo dalla cabina, spiò per assicurarsi che la moglie del preside non fosse ancora nei dintorni, poi si avviò nell'uffio a passo svelto.

 

"Oh, Almasy, buongiorno, buongiorno."

Il preside stava invecchiando, ma conservava sempre il suo fare fin troppo gioviale per cui era diventato famoso, tra gli studenti, come Nonno Cid.

"Buongiorno Nonnino, come va?"

"Qualche acciacco, ma tutto bene, tu?"

Ecco, con una persona meno arteriosclerotica si poteva parlare civilmente, visto?

"Mi annoio"

"Bè, allora quello che ho da proporti ti terrà impegnato per un bel pò"

"Una nuova missione?"

"Qualcosa di simile"

Il vecchio non gliela contava giusta.

"Spari"

"Dovrai allenare un nuovo Seed"

Il biondo si passò una mano tra i capelli, sorrise, e disse affabilmente "Non se ne parla nemmeno."

"E' un ordine"

 

L'avevano fregato.

Uscì sbattendo violentemente le porte e marciò verso l'ascensore, diretto al centro di addestramento, quando notò con la coda dell'occhio che una ragazzina mora che non gli arrivava nemmeno alle spalle lo stava tampinando.

"E tu che vuoi?"

Non sarà questa nanerottola il "Seed" che gli avevano affibbiato!

La tipa si prodigò in una serie infinita di inchini mentre con una vocetta timida si presentava

"S-signor Almasy... S-sono così o-onorata... io sono Renie Time... sono una sua grande fan... non sa cosa vuol dire per me lavorare con lei... sa, quando sono stata trasferita da Trabia..."

Trabia=Selphie=Era fregato.

Senza nemmeno lasciarla finire, girò sui tacchi e riprese a marciare verso la sua destinazione originale, con la ragazzina che lo seguiva senza perdersi un suo respiro.

In quel momento decise che non avrebbe lasciato in vita nemmeno un mostro.

 

Prima ancora di mettere piede nella jungla artificiale, aveva estratto e caricato l'Hyperion; la moretta al suo fianco invece preparò una comunissima asta, solo che nel farlo in movimento perse l'equilibrio e quasi inciampò.

"Cominciamo bene!"

Renie arrossì dalla vergogna, ma prima che potesse aprir bocca Seifer proseguì la sua tirata.

"Senti un po', mocciosa. Non so cosa ti abbiano detto o che idea ti sia fatta di me, ma sappi che io sono un grandissimo bastardo, e che sono abituato a lavorare DA-SO-LO. Punto. Vedi di non starmi tra i piedi, guardami combattere e impara come si fa."

"Ma..."

Non gli interessava, quindi si girò e cercò qualcosa da fare a fette.

 

Grat, grat e ancora grat.

Il centro d'addestramento era una vera noia. Quasi quasi la prossima volta sarebbe andato con il gallinaccio nelle sue sessioni di allenamento sull'Isola più vicina all'inferno... per poi scappare e lasciarlo lì, ovviamente!

La mocciosa continuava a seguirlo, imbronciata, ma se ne stava buona e zitta, cosa per cui forse avrebbe anche potuto cominciare a stargli simpatica. Forse.

Dei passi pesanti alle loro spalle gli fecero riacquistare lucidità; dopo pochi secondi un Archeosaurus annunciò la sua furiosa entrata in scena con un ringhio possente.

Seifer si preparò: questo era un avversario tosto, specialmente se da solo, ma non aveva dubbi sulle sue capacità.

Troppo tardi si accorse che Renie si era mossa verso di lui "Le do una mano!"

"NO! Lascia per..."

In un secondo la ragazza inciampò e l'haste che stava preparando mancò il bersagio, potenziando il mostro al posto del Seed, il quale incredulo rimase a fissare la scena ad occhi spalancati.

Non aveva mai visto un errore simile. Non pensava nemmeno che fosse POSSIBILE.

 

L'Archeosaurus si buttò su di loro, potente ed ora anche veloce, tanto da costringere Seifer a schivare invece di attaccare.

Vedendo che il biondo evitata facilmente le sue fauci, il mostro si girò di scatto verso Renie che, terrorizzata, rimase impalata sulla sua traiettoria.

"Spostati scema!"

Con una spallata il gunblader riuscì a salvare la ragazza, mentre il GF Diablos che aveva preparato era finalmente pronto.

Finiti gli effetti dell'evocazione, il mostro non face in tempo a riprendersi che dovette affrontare lo Shinmatsuken infuocato, che pose fine allo scontro.

"Nanerottola, ma che ti salta in mente! T'avevo detto di startene ferma no?"

Ma la ragazza era rimasta a terra; preoccupato, si chinò su di lei per controllare il suo stato, quando questa, di scatto, si girò e si avvinghiò a lui in un abbraccio stritolante.

"BWAAAAAAAAAAAAH HO AVUTO UNA FIFA PAZZESCAAAAAAAAH"

Seifer rimase paralizzato ed ammutolito, riuscì solo a pensare che quelli di Trabia avevano qualcosa di strano nel cervello.

 

Una bella doccia era quello che ci voleva, ora poteva riposare in santa pa..

"COMUNICAZIONE INTERNA: I SEED SEIFER ALMASY E RENIE TIME SONO ATTESI IN PRESIDENZA"

Che palle due la vendetta.

 

"Che accidenti c'è ancora!"

Esordì entrando nell'ufficio dove lo attendevano il preside e la trabiana.

"Benvenuto.. dicevi di annoiarti; bene, abbiamo una missione per te."

"Ottimo! Ragazzina mi spiace, ma non potrò farti da baby sitter per un po' di tempo..."

"EhmEhm... La Seed Renie Time verrà con te, come parte del suo allenamento"

"..."

"Anche questo è un ordine"

"... dovrei portarmi questa COSA appresso durante una missione Seed?"

Lanciò un'occhiata disperata in direzione della ragazza, che per tutta risposta esplose in una serie di gridolini "Che bello, la nostra prima missione!!"

Seifer crollò su una delle poltroncine, pensando che sicuramente per un bel po' non si sarebbe più annoiato.







Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilitā nč č perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, č necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non č a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.