S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

Esperimenti ~ By Silver_Anova
Final Fantasy XII - G - Generale - One-shot - COMPLETA - Pubblicato: 16/2/09 - Aggiornato: 16/2/09
ID Fanfiction: 2036 - Commenti: 2
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction




"Dottore, l'esperimento LXIV è fuggito!"

Lo scienziato non prestò attenzione alle parole del nuovo ricercatore. In primo luogo, non era una persona che ascolta chiunque. In secondo luogo, lui non sopportava quelli della sezione Ricerca Sperimentale sull'Uso delle Levitaliti.

"Lo so."

"Si sta dirigendo qui, dottore! Probabilmente vuole ucciderla!"

"Meglio, vedremo i risultatati dell'applicazione della negalite artificiale su creature ad alto potenziale magico."

"Dottore, lei è impazzito!"

"Da molto tempo. O forse ho solamente una percezione delle cose molto distorta. Può andare." concluse Cidolfus Demen Bunansa, facendo cenno al ricercatore di andarsene.

"Ma dottore!"

"Ho detto che può andare."

Il ricercatore, scosso, si allontanò in fretta e furia dallo scienziato. Probabilmente era una sua impressione, ma credeva di aver sentito anche un'altra voce, oltre a quella del dottor Cid.

_________



Correva tra i corridoi tutti uguali senza una meta precisa, desideroso solo di uscire da quel luogo infernale. Avrebbe potuto buttarsi fuori e volare, ma da quando quelle persone avevano cominciato gli esperimenti, faceva fatica anche solo a spiegare le ali.



Appena era riuscito a scappare dalla gabbia, strane creature su due zampe e armate di fucili gli sbarrarono la strada. Esseri dal corpo splendente che sembravano tutti uguali, che lo accerchiavano da ogni lato.



Aveva paura.



In fondo, non era ancora un'adulto. Se fosse stato più grande non l'avrebbero mai preso e non gli avrebbero mai fatto esperimenti con quelle pietre scure. Se fosse stato più grande, avrebbe semplicemente aperto le fauci e-



Le fiamme uscirono dalla bocca senza alcuno sforzo, in un getto continuo e letale che uccise parecchie creature di metallo. Quelle che non erano a terra agonizzanti, erano scappate terrorizzate.



La cavia rimase attonita da quello che aveva appena fatto. Non era normale, nemmeno per gli adulti, sputare fiamme così potenti. Si sentiva la gola bruciare ancora.



Doveva uscire. Tornare a casa. Sicuramente gli anziani avrebbero saputo cosa fare. Loro sapevano tutto.


_________



"Dottor Cid!" Un'altro scienziato, stavolta della sezione di Sperimentazione della Magilite in Campo Militare, entrò nella sala di controllo. Il dottor Cid gli rivolse uno sguardo seccato. "Cosa volete adesso?" "S-signore, l'esperimento è qui fuori! Sta cercando di fuggire!"



Sul volto dello scienziato si formò un'espressione di puro terrore.



"Non possiamo permetterglielo! Bloccate tutte le uscite, sbarrate le finestre, se necessario mandate i giudici a prenderlo! Non-possiamo-farlo-fuggire!" Gli scienziati furono sconvolti dall'improvviso cambio d'umore del dottore, ma diedero comunque gli ordini. In pochi minuti il Laboratorio Draklor sarebbe diventato una fortezza dalla quale nessuno sarebbe potuto uscire.

_________



La porta gli si era chiusa davanti, lasciandolo sorpreso per un attimo. Alla sorpresa seguì la paura. Iniziò a soffiare contro la porta, a colpirla con la testa, con la coda, a gettarcisi addosso con tutto il suo peso. Ma la porta non sembrava cedere.



Decise di tentare di gettarsi dalle finestre. Se fosse riuscito a volare, sarebbe potuto scappare. Se non ce l'avesse fatta... sempre meglio che rimanere lì.



Colpì con la coda le finestre solo per scoprire che anche quelle erano state chiuse. Di nuovo, era terrorizzato, e anche arrabbiato con quelle strane creature che lo tenevano in quel posto malefico, che gli facevano cose orribili, davano fondo alla loro perversa smania di ricerca.



Voleva ucciderli tutti.



Si gettò di nuovo contro la porta, con rinnovata decisione. Questa non cedette. Tentò ancora, e ancora, e ancora. E, nonostante con ogni nuova carica si aggiungesse un'ammaccatura sulla porta, questa non accennava ad aprirsi.


_________



"Addormentatelo e riportatelo in laboratorio." concluse il dottor Cid, allontanandosi dalla sala di controllo. Gli scienziati lo guardarono stupito. "Signore! Signore, dove va?" "Vado a controllare che il nostro prezioso esemplare non si sia ammaccato troppo."

_________



Si sentiva stanco. Faticava a tenersi sulle zampe, spinto solo dalla volontà disperata di uscire. Sentiva delle voci oltre la porta. Dall'altra parte c'erano senz'altro altre creature di metallo, che stavano aspettando che lui cedesse per aprire la porta e ucciderlo.



Questo pensiero lo spinse a tentare ancora di sfondare la porta. Prese una lunga rincorsa, e gli si gettò contro con tutto il suo peso. Questa volta sentì un rumore strano, tipo un sibilo. Dall'altra parte le voci si erano fatte più agitate.



La porta cadde, mostrandogli una miriade di quelle creature che, terrorizzate, correvano per il corridoio cercando di puntargli contro i fucili.



In disparte c'era un'altra creatura. Anche questa stava su due zampe, ma il suo corpo non era splendente. Forse era di un metallo più opaco? Portava un abito rosso, guanti, stivali chiari e quelli che riconobbe come occhiali. Non sembrava affatto spaventato da lui.




"Rimettetevi in riga, codardi." disse. "I suoi tentativi di buttare giù la porta e il gas l'hanno stancato. Riportatelo al laboratorio."



Per tutta risposta, lui soffiò al suo indirizzo, lanciandogli lingue di fuoco che facevano scansare le creature di metallo.



La creatura tirò fuori una pietruzza scura. Le sue fiamme sparirono a mezz'aria, facendo splendere la pietra.
"E' l'ultima volta che lo ripeto. Prendete l'esperimento e riportatelo in laboratorio all'istante."



Le zampe gli cedettero, e cadde sul pavimento. La creatura sorrise in un modo maniacale. "Non sei ridotto troppo male. Potremo riprendere subito gli esperimenti!"



Stremato, chiuse gli occhi mentre sentiva che le strane creature luccicanti lo riportavano in quel luogo infernale.



Voleva solo tornare a casa.


_________



"Dottor Cid, questi esperimenti sono troppo pericolosi..." disse uno degli scienziati della sezione di Applicazioni Biologiche della Negalite Artificiale. "Continuando ad irradiarlo con la Negalite, la sua potenza crescerà esponenzialmente. La prossima volta non lo potremo fermare..."



"Allora fate in modo che non ci sia una prossima volta." disse calmo il dottore, facendo trasalire l'equipe. Ancora una volta la sua voce sembrava sdoppiata. "S-s-sarà fatto, signore!" rispose lo scienziato, precipitandosi fuori dalla sala di controllo. Cid si poggiò sulla sedia e, presi in mano i risultati degli esperimenti, iniziò a controllarli.



"Cid, questo potrebbe essere un problema." disse Venat, preoccupato. "Quel drago non è normale. Reagisce alla Negalite in modo completamente innaturale." "Ti preoccupi troppo, Venat. Un'arma del genere potrebbe tornarci utile nella nostra guerra contro gli dei." "Cid, questa è follia. E' troppo pericoloso continuare." Lo scienziato sbuffò.



"Pensavo che almeno tu, Venat, mi avresti appoggiato."

"Io devo pensare alla tua sicurezza e a quella del principe Vayne. Senza di voi, il destino rimarrà in mano agli dei."

"E lo faremo, quando sarà il momento. Per ora, lasciami divertire."

"Pensavo stessi lavorando."



Cid guardò l'aria vuota con uno sguardo curioso.



"Perché, non è la stessa cosa?"

_________



Aprì gli occhi di nuovo, in un posto che non aveva mai visto. Era tutto così chiaro che gli facevano male gli occhi. Attorno a sé c'era un campo di fiori, illuminato da una luce intensa.



Forse era morto. Forse era un sogno. Forse non serviva più alle creature di metallo e l'avevano buttato da qualche parte. Inspirò forte, lasciando che il profumo dei fiori gli inondasse le narici. Era un profumo dolce, che sapeva di Artisians, di casa.



 



E, per la prima volta in quei mesi di terrore, si addormentò sereno.



_________



 



Angolo di Anova: Il silenzio stampa si è interrotto! ^^



Vabbé, una piccola one-shot per scrivere anche su FF XII.



Ah, non penso che Cid sia uno scienziato pazzo... E' solo uno scienziato che ama il suo lavoro XD



Sì, c'è un piccolo crossover con Spyro XD



Bon, chiudo qui le comunicazioni ^^








Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilitā nč č perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, č necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non č a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.