S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

01) Cuore Matto ~ By Shadow
Crossover - PG-13 - Romantico + Fantasy - COMPLETA - Pubblicato: 3/5/07 - Aggiornato: 26/7/07
ID Fanfiction: 1483 - Commenti: 37
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction




 

Cuore Matto

 

Una nuova fanfiction stà per iniziare, spero possa piacervi, sinceramente a me piace molto. Ora basta chiacchiere, scoprirete di che parla strada facendo.

 

I) Una serata al pub di mamma

 

Ecco, finalmente siamo arrivati. Mi presento, mi chiamo Squall Leonhart, ho 19 anni e vivo a Balamb con la mia famiglia, composta da me, mio padre Laguna Loire, mia madre Raine Leonhart e mia sorella Ellione. Mio padre è l'attuale Presidente di Esthar, cosa che non ho ancora capito bene come sia successa visto quanto è imbranato, e a causa di questo suo impiego è quasi sempre lontano da casa, ma quando c'è fa gli "straordinari", nel senso che cerca di recuperare il tempo perduto stando il più possibile con noi, anche se alla fine non glie ne riesce una buona e fa certe figure che sembrerebbero adatte ad un film comico. Ha conosciuto mia madre a Winhill, dove si sono sposati. È usanza in quel villaggio prima di un matrimonio decidere quale cognome dare ai figli e mio padre ha deciso di accettare anagraficamente il cognome di mia madre come ulteriore prova d'amore. Ora mamma gestisce questo pub in cui siamo seduti aiutata da Tifa Lockheart, una ragazza ventunenne di queste parti fidanzata con Cloud Strife, un mio amico ventitreenne che fa parte dell'esercito cittadino e che ora è a Galbadia per una missione diplomatica, se non sbaglio dovrebbe tornare tra tre mesi. Questo alla mia destra è Zell Dincht, 19 anni anche lui, il mio migliore amico, un biondino tutto matto con la passione dei tatuaggi tribali e del fare casino, ma in fondo non è altro che un ragazzo sfrenato e pieno di simpatia. È fidanzato con Rikku, una nostra amica che fa parte di un gruppo musicale. Il suo sogno è diventare un campione di KickBoxing. Quest'altro biondo alla mia sinistra invece è Seifer Almasy, 20 anni, mio amico e rivale. Rivale perché fin da quando eravamo piccoli ci siamo sempre sfidati in tutto, dalle corse in bicicletta a chi prendeva i voti migliori a scuola, anche perché ha ripetuto un anno apposta per poter stare in classe con me ed avvalorare ancor di più le nostre sfide. È fidanzato con Rinoa Heartilly, la figlia del commissario Caraway ed il suo obiettivo è prendere il posto del suo futuro suocero al comando di polizia di Balamb. Quest'altro biondo vicino a Zell è Tidus Loire, 19 anni, un cugino acquisito, adottato da mio zio Cesare, il fratello di mio padre, sposato con Aurora Almasy, zia di Seifer. È un ragazzo con la passione per il Blitzball e sogna di diventare un giocatore di fama mondiale. Lui è fidanzato con Yuna, la cantante del gruppo dove suona Rikku. Ora sono in tournee assieme a Paine, il terzo membro del gruppo, e dovrebbero tornare tra quattro mesi. Infine al fianco di Seifer c'è mio cugino Giuseppe Loire, 18 anni, il più piccolo tra noi, fratello di Tidus, l'unico oltre a me che non ha i capelli biondi tra i membri del gruppo, oltre a non essere fidanzato. Posso dire con certezza che è il ragazzo più strano che abbia mai visto, non perché ha fatto la primina per poter stare in classe con noi, ma perchè è un appassionato di occulto e misteri, dice di essere un amante del fuoco ma per me è un piromane (per lui ogni scusa è buona per bruciare qualcosa), la sua camera trabocca di cose strani e di armi di ogni genere, compreso il suo spadone preferito, Bahamut Tear, anche se l'unica arma che porta sempre con se è un lungo pugnale di Mithril identico e preciso alla spada. È tanto conosciuta questa sua passione che ogni volta che le ragazze tornano dalle loro tournee gli portano come souvenir delle strane sfere dai poteri magici, e il bello è che le sa anche usare! Inoltre è un combattente formidabile sia con le armi che nel corpo a corpo, anche se nel corpo a corpo ha una caratteristica piuttosto insolita, insolita come il suo animale da compagnia, un mezzodrago di nome Drake. Il suo scopo finale è iscriversi all'Accademia Militare di Balamb, chiamata più comunemente Garden, e diventare un SeeD. Oltre al loro ho anche una cuginetta che frequenta le medie, Rossella, ed è la ragazza con la voce più squillante che conosca. Quali sono i miei progetti per il futuro? Per il momento non ne ho, preferisco vivere così, assieme ai miei cari finché non avrò trovato quello che cerco. Tra poco più di tre mesi il nostro ultimo anno alle superiori sarà finito e vogliamo passare questi ultimi mesi di scuola in allegria prima degli esami, dopodichè ognuno avrà la possibilità di realizzare le proprie ambizioni. All'improvviso nel locale entrano una ventina di uomini che vestono tutti la stessa divisa: la squadra di football di Galbadia, conosciuta in tutto il mondo per il comportamento falloso in campo e per la poca intelligenza dei componenti, tutti piuttosto irascibili. A quanto pare hanno vinto la finale contro i Gufi di Timber, chissà che hanno fatto a quei poveretti. Il capitano si avvicina al bancone e dice a mia madre.

 

Capitano: Donna, diciotto birre di malto per questa squadra di campioni e qualcosa di "speciale" per me ed il mio amico.

 

Dimenticavo, il capitano della squadra, Biggs, è un playboy fallito e l'unica persona che riesca a sopportarlo è il suo socio, Wedge, che ancora non capisco dove vada a trovare tutta la pazienza necessaria per non spaccargli il muso. Naturalmente quello "speciale" che ha chiesto sarebbe fare cose poco lecite con mia madre, ma da come guarda Tifa mi pare che voglia approfittare anche di lei.

 

Raine: Per le birre nessun problema, ma non abbiamo niente di speciale da offrirvi. Desiderate qualcos'altro?

 

Biggs: Quello che ti ho chiesto sennò sfascio il locale!

 

Il tipo prende un boccale per infrangerlo sul bancone e dopo questa ennesima dimostrazione di stupidità Giuseppe si alza, dirigendosi verso mamma.

 

Seifer: Che ti prende?

 

Giuseppe: Mi va di sgranchirmi un po' le ossa ed accertarmi che quel tipo paghi quello che ha rotto.

 

Il modo in cui l'ha detto non mi piace... mi sa che stanotte passeremo l'ennesima serata in caserma, succede sempre così. Giuseppe intanto è vicino al bancone e ci si appoggia di spalle, rivolgendo il fianco destro a Biggs e socio... spero non voglia fare quello che penso.

 

Giuseppe: Scusate se m'intrometto ma devo avvertirvi che chi rompe paga, spero abbiate tenuto presente questo.

 

Biggs prende il manico scheggiato e lo rivolge minaccioso verso mio cugino, che non si smuove di un millimetro.

 

Biggs: E tu chi saresti? Il padrone?

 

Giuseppe: No, il nipote di questa signora. Come vi ha già detto non abbiamo qualcosa di speciale, quindi rinunciate pure.

 

Wedge: Senti marmocchio, ti consiglio di andare prima che te ne penta.

 

Giuseppe: Tifa, metti Guilty.

 

Tifa: Sei sicuro?

 

Raine: Tu stai al tuo posto, non voglio ritrovarmi con solo le fondamenta del pub!

 

Giuseppe: Va bene, farò piano.

 

Zell: Avete sentito anche voi?

 

Tidus: Si, mi sa che dobbiamo dargli una mano o qui si mette male.

 

Ci alziamo dai nostri posti e ci avviciniamo a Giuseppe. Se lo conosceste come lo conosciamo noi sapreste che è un momento a dir poco critico. Vi ricordate quella particolarità che avevo accennato? Ecco, è questa: mio cugino ha il pallino di allenarsi sentendo al tempo stesso la musica e questa cosa gli è rimasta. Ogni volta che combatte con un sottofondo musicale è come se venisse posseduto, ogni suo movimento è perfettamente sincronico alla musica che sente, ed anche i colpi che dà lo sono! Se conoscete questa canzone dei The Rasmus capirete benissimo che guaio stà per combinare, il ritmo è solitamente stabile ed anche abbastanza energico, ma durante i ritornelli aumenta, e ciò non fa altro che aumentare anche la forza delle botte che i nostri Galbadiani riceveranno. Non poteva scegliere Creeping in My Soul? Almeno lì il tono era più basso e ci sarebbe andato più leggero.

 

Biggs: Ora stammi a sentire, lascia subito questo posto o ti ritroverai all'ospedale!

 

Poverino, di questo passo ci finisci tu all'ospedale. La canzone stà iniziando, si sentono le prime note al piano, e proprio mentre Biggs stò cercando di colpire il nostro pazzo con il boccale si sente la chitarra. Giuseppe si alza sul braccio sinistro ancora appoggiato al bancone e colpisce in pieno volto l'uomo con entrambi i piedi, è una delle sue mosse preferite. È iniziata la strage. Naturalmente non stiamo fermi ed iniziamo anche noi a menare le mani a gruppi di due, io e Seifer e Zell e Tidus, mentre il caro cuginetto è abbastanza bravo da cavarsela da solo. La gente che era dentro assieme a noi è scappata, quindi non ci dobbiamo preoccupare di chi dobbiamo colpire. A poco a poco riusciamo a buttarli tutti fuori dal locale e Giuseppe dà l'ultimo pugno proprio alla fine della canzone. Ancora devo capire come fa ad avere un tempismo simile. Intanto arrivano le macchine della polizia e dalla prima esce Vincent Valentine, trentaduenne, uno degli scapoli d'oro di Balamb. È il braccio destro di Caraway e nonostante ci siano decine di donne pronte a maritarsi con lui il nostro caro poliziotto non sembra ancora desideroso di farsi una famiglia. Su di lui girano strane voci, tra cui alcune che dicono che sia una sorta di demone ed altre che la sua amata è intrappolata in un castello di cristallo che nessuno può raggiungere, avvalorate anche da quello strano braccio metallico che ha. Come ogni volta ci guarda con un'aria seria e tremendamente arrabbiata per poi dire.

 

Vincent: Ancora voi? Dovevo immaginarlo, ormai siete gli unici qui a Balamb a combinare di questi casini. Quanti sono stavolta?

 

Zell: Venti.

 

Vincent: Fantastico, davvero fantastico. Reno, manda a chiamare delle ambulanze, e chiamane molte!

 

Reno: Subito comandante!

 

Vincent: Voi venite con me.

 

Giuseppe: Io davanti!

 

Ci sediamo sulla volante e Vincent prende subito il pugnale che Giuseppe ha messo sul cruscotto. Ogni volta che veniamo portati in centrale è di regola che coloro che hanno armi vengano disarmati e Giuseppe ormai ci ha fatto l'abitudine. Arrivati alla centrale aspettiamo come al solito che il commissario si liberi. Ormai qui ci conoscono tutti ed hanno preso l'abitudine di canzonarci con le solite battute "L'avete fatta grossa stavolta", "Chi avete spaccato in due?" e simili. Finalmente ci chiamano ed entriamo nello studio di Caraway, che come al solito non sembra contento di ciò che abbiamo fatto.

 

Caraway: Ragazzi, con voi non so più che fare.

 

Zell: Mandarci oltreoceano?

 

Vincent: Forse questo servirebbe, anche se sareste più utili come cacciatori di mostri in qualche zona sperduta del pianeta. Ci potreste dare la vostra versione dei fatti?

 

Giuseppe: Noi stavamo al tavolo come al solito quando sono entrati quei tipi. Hanno iniziato a molestare la zia e Tifa e le hanno anche minacciate con un boccale rotto. Ho detto loro di andarsene ma hanno minacciato pure me e mi sono difeso, il resto lo sapete.

 

Caraway: Vi rendete conto di quello che avete combinato? Avete messo fuori uso un'intera squadra di football, la società sportiva potrebbe denunciarvi!

 

Squall: Ma sono stati loro a cominciare!

 

La cosa non mi piace. Se davvero il presidente della società, Vinzer Deling, dovesse denunciarci probabilmente avremmo in futuro dei precedenti penali e ciò potrebbe compromettere tutte le nostre ambizioni.

 

?: Non credo che a Deling importi molto di chi è la colpa, ma non è questo il problema. Vi rendete conto che così vi state giocando il vostro futuro? Finora non avete mai avuto dei precedenti penali perché tutti vi conoscono, sanno che siete bravi ragazzi e nessuno voleva rovinarvi la carriera, ma così non credo sarà facile aiutarvi.

 

Un uomo dai lunghi capelli bianchi ed occhi verdi vestito totalmente di nero entra nella stanza. Non so perché ma prevedo guai, soprattutto per il nostro piccolo guerriero.

 

Vincent: Professor Sephiroth, come mai qui?

 

Sephiroth: Ho saputo di ciò che è accaduto e sono venuto a controllare.

 

Caraway: Ragazzi, lasciate che vi presenti il professor Sephiroth Crescent, il Comandante SeeD del Garden.

 

Giuseppe: Voi siete il Comandante?

 

Sephiroth: Esatto, e sono venuto per te, ragazzo. Vedi, ci è giunta la tua domanda d'iscrizione e prima degli esami di maturità noi responsabili del Garden abbiamo il compito di valutare i giovani che vogliono entrare nella SeeD. Da quanto ho capito sei un elemento valido, ma non sembri molto disciplinato. Forse però sarà meglio che il commissario finisca di parlare con voi.

 

Caraway: Grazie. Ragazzi, credo che ora abbiate capito com'è la situazione, i tizi che avete mandato all'ospedale hanno subito lesioni non da poco alle ossa e qualcuna lieve agli organi interni, e credo proprio che ci sia una sola soluzione...

 

Seifer: Capito, precedenti penali.

 

Vincent: No, per vostra fortuna no. Dovrete occuparvi d'altro.

 

Tidus: In che senso?

 

Caraway: Per iniziare dovrete stare lontani dal pub per un periodo di tempo prestabilito. Non preoccupatevi comunque, l'assicurazione si occuperà dei pochi danni fatti alla struttura e per quanto riguarda Raine e Tifa terremo sotto controllo il locale, ci penseranno Reno e Rude. Tornando a voi non avrete i precedenti perché è risaputa fin troppo bene la fama che ha la squadra, perciò di questo non dovrete preoccuparvi. Dobbiamo però sequestrare il pugnale di Giuseppe, appena finite le vostre occupazioni ti sarà restituito.

 

Giuseppe: Ancora dovete dirci che diamine dobbiamo fare.

 

Caraway: Parteciperete agli LSU.

 

Zell: I che?

 

Vincent: Lavori Socialmente Utili. Ognuno di voi dovrà svolgere un lavoro gratuitamente, un lavoro che naturalmente sceglieremo noi. Giuseppe dovrà aiutare la guardia forestale, anche se non siamo ancora in estate alcuni piromani hanno già iniziato a bruciare le foreste e nessuno meglio di un piromane come te può capire quando succederà una cosa simile...

 

Giuseppe: Io non sono piromane!

 

Vincent: Questo vallo a dire a quel bandito a cui hai dato fuoco.

 

Giuseppe: Mi è scappato semplicemente un Fira, tutto qui.

 

Vincent: Si, una magia di secondo grado lanciata per puro caso, come no. Zell lavorerà alla casa di riposo per anziani, Tidus dovrà fare per un po' l'operatore ecologico, Seifer invece lavorerà alla mensa dei poveri ed infine Squall presterà servizio al manicomio cittadino. Il tutto per... sarebbero 900 ore complessive da sbrigare dalle 2 alle 4 ore al giorno, ma visto che siete in cinque le divideremo per quanti siete, quindi vi spettano... 180 ore di lavoro ciascuno.

 

Squall: Quante ore?

 

Caraway: Avete capito bene. Se seguirete le due ore minime ce la dovreste fare entro tre mesi, mentre se passate anche quattro ore ve ne libererete in poco più di un mese. Ah Seifer, fino a scadenza non potrai vedere Rinoa.

 

Seifer: E perché?

 

Caraway: Diciamo che è una restrizione personale, tipo come per il pugnale. Mi raccomando, non combinate guai mentre cercate di risolvere questo, altrimenti il tempo da scontare sarà maggiore, ci siamo capiti?

 

Sephiroth: Davvero un'ottima soluzione. Ora se permettete vorrei parlare con l'aspirante SeeD.

 

Caraway: Fate pure, noi intanto riportiamo gli altri a casa.

 

Giuseppe rimane al commissariato assieme a quel prof mentre noi veniamo accompagnati alla volante. Mi chiedo che si diranno adesso che non ci siamo...

 

 

Non ci credo quasi, mi sembra come un sogno che si avvera. Anche se questo non è il mio sogno ha lo stesso un valore immenso, il Comandante in persona mi vuole parlare! C'è gente che darebbe un occhio solo per vederlo passare sotto casa, per non parlare di Aeris Gainsborough, la direttrice del suo fan club, una castana ventitreenne perdutamente cotta di lui. Sono sicuro che se viene a saperlo farebbe di tutto per costringermi ad organizzarle un appuntamento col suo idolo. Anche sul suo conto girano voci come quelle riguardanti Vincent, anche se quelle che lo riguardano dicono che è un angelo nero con una sola ala sceso dal cielo per conquistare il mondo. In effetti visti i suoi successi in battaglia non mi stupirei se la sua forza immane si rivelasse dono di una natura divina. Però c'è qualcosa che mi incuriosisce, dagli sguardi che si sono dati lui e Vincent sembra proprio che si conoscano da tempo, chissà se è così. Dopotutto entrambi hanno trentadue anni, potrebbero essere amici d'infanzia.

 

Sephiroth: Allora ragazzo, come mai vuoi iscriverti al Garden?

 

Giuseppe: Sinceramente? Non sono un tipo che stà molto tempo senza cacciarsi nei guai come avrete capito, ma vorrei diventare un SeeD per avere la possibilità di diventare un guerriero a tutti gli effetti.

 

Sephiroth: Hai già le idee chiare. Meglio così, non avremo ulteriori grattacapi. Sai che per entrare a far parte del Garden devi trovare un garante che attesti la tua idoneità a frequentare quest'Accademia?

 

Giuseppe: Nessuno ce l'ha detto.

 

Sephiroth: Allora è un bene che te ne abbia parlato. Devi sapere che per politica dell'istituto i professori non possono fare da garanti per le iscrizioni, possono farlo solo per quanto riguarda alcuni corsi extrascolastici. In parole povere non puoi chiedermi di garantire per te.

 

Giuseppe: Quindi devo trovare un garante entro sei mesi circa...

 

Sephiroth: Si, hai capito bene. Spero per te che troverai qualcuno disposto ad aiutarti. Il garante deve essere stato nell'esercito o deve ancora esercitare, in più può garantire solo per una persona. Il periodo di tempo è di circa quattro anni di servizio.

 

Giuseppe: Come mai mi date tutte queste informazioni?

 

Sephiroth: è la routine di noi insegnanti dare questo genere di informazioni, e poi non vorrei che il tuo talento vada sprecato in un esercito insulso.

 

Incredibile, non solo sono davanti ad una vera e propria leggenda della guerra ma mi vengono fatti pure i complimenti! Faremo meglio a finire qui la conversazione o rischio di montarmi la testa.

 

Giuseppe: Grazie per le informazioni, ora devo proprio andare.

 

Sephiroth: Va bene. Una cosa, non dire a nessuno che mi hai visto, lo dico per te.

 

Giuseppe: Come mai?

 

Sephiroth: Che ti credi, so dei fan club di questa città e chiunque ha dato una prova che mi ha incontrato è stato letteralmente assalito dai fan. Ah, dimenticavo, tutti gli iscritti devono avere un lasciapassare speciale che si attiverà quando sarete ufficialmente iscritti.

 

Il prof mi porge una scheda magnetica con il mio numero ID, 2517, ed oltre a questo mi porge anche quella che sembra una katana in miniatura.

 

Giuseppe: Questa cos'è?

 

Sephiroth: Ogni professore deve lasciare agli iscritti con cui si incontra un oggetto che testimoni l'incontro. Per quanto mi riguarda io lascio sempre un pugnale che ricorda la mia Masamune. Visto poi che ti hanno sequestrato il pugnale, consideralo come un rimpiazzo momentaneo.

 

Giuseppe: Grazie, arrivederci.

 

Me ne vado dalla stazione. A quest'ora della notte non ci sono mezzi di trasporto, perciò mi aspetta una camminata di qualche chilometro fino al pub, dove ho lasciato la moto.

 

Reno: Hey Giuseppe!

 

Mi giro di lato e vedo Reno, un poliziotto ventitreenne simpatico quanto strano. I suoi capelli sono più corti dei miei ed il loro colore rosso acceso mi ricorda quello di un personaggio di un manga. Ha una sorellina di diciannove anni che non frequenta la mia classe, però ci conosciamo lo stesso per via del fratello strampalato che ha, anche se mi considera ancora più pazzo del suo adorato fratellone. Il poliziotto ha preso l'abitudine di definirla la sua gemellina separata dalla nascita perché qualche anno fa ha deciso di tingersi i capelli di rosso.

 

Reno: Dove stai andando?

 

Giuseppe: Al pub, ho lasciato lì la moto.

 

Reno: E secondo te il vecchio Reno che ci stà a fare?

 

Reno si sposta e vedo dietro di lui la mia moto.

 

Reno: Sbaglio o non ti puoi avvicinare al pub?

 

Giuseppe: Grazie mille, appena finisco i lavori ti offro una birra, ok?

 

Reno: Come no. Forza, torna a casa o mammina si preoccuperà.

 

Giuseppe: Va bene, salutami la gemellina separata dalla nascita!

 

Metto in moto il mezzo e me ne vado, da domani si inizia a lavorare!             Fine capitolo

 

NDA: Ecco, il primo è andato! Come qualcuno avrà notato c'è un piccolo accenno a Sarah Ross, la rossa creata da la_vale, ma spero di poterle far fare qualche apparizione in più in futuro. Spero che l'inizio vi sia piaciuto, lo so che è lunghino come capitolo ma proprio non sapevo come fare^^. Beh, non ho altro da dire, a presto!







Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilitŕ nč č perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, č necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non č a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.