S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

La Compressione Temporale. L'unica Via di Uscita. ~ By Silver_Anova
Final Fantasy VIII - PG-13 - Drammatico - One-shot - Pubblicato: 22/4/07 - Aggiornato: 22/4/07
ID Fanfiction: 1453 - Commenti: 13
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction



Voi... SeeD... Che avete sconfitto ciò che mi restava... il mio corpo... il mio GF... mi sono rimasti solo il mio odio e il mio potere. L'uno sarà la forza dell'altro.

Io sono Artemisia.

La VERA Artemisia.

Comprimerò il tempo.

Creando una sola epoca, in cui passato e futuro si fonderanno.

Negherò ogni forma di esistenza.

Cosicché nessuno possa più ferirmi. Ferirmi come avete fatto voi...

Ricordo ancora quei giorni...

...

"Arty?"

"Arty, svegliati..."

"Eddai Arty, altrimenti rischiamo di perdere il bus!"

"Va bene..."

Era stata una splendida giornata di sole, e il sole al tramonto creava dei suggestivi giochi di luce sull'acqua del mare, più in basso rispetto a dove eravamo noi. Mi alzai lentamente, cercando lui con lo sguardo. "Vorrei restare qui con te per sempre." gli dissi. Era un desiderio un po' infantile, ma non mi importava.

"Anch'io, Arty." Sorrisi. Era da quando ero una bambina che tutti mi chiamavano Arty, e ho sempre detestato quel nomignolo. Però, quando quel nome usciva dalle sue labbra, aveva un suono del tutto diverso. "Meglio andare, o rischiamo di perdere sul sero l'autobus."

Si chiamava Rubedo, ma data la sua somiglianza con il fratello maggiore Gaignun tutti lo chiamavano Jr. Anche lui odiava quel soprannome, ma io continuavo a chiamarlo così. Ed era un SeeD. Forse fu questo il mio primo errore. Come potevo sperare che io e lui potessimo stare assieme? Io ero... io SONO una strega, e lui doveva uccidere le streghe. Temevo il momento in cui l'avrebbe scoperto.

E, ovviamente, lo scoprì. Fu durante una delle nostre uscite, in un bosco vicino a Dollet. Gli avevano dato qualche giorno di permesso, e avevamo deciso di andare a passarli lì. Speravamo di fare una passeggiata senza trovare mostri, ma ci sbagliammo.

Nessuno dei due era preparato a quest'attacco improvviso. Erano dei mostri strani, sembravano quasi delle balene semitrasparenti che fluttuavano nell'aria, e il loro corpo era percorso da striature giallastre. Fu più forte di me, dovetti usare il mio potere da strega. Volevo salvarlo a tutti i costi.


Ci avete mai pensato? Quando eravate bambini...

Quando eravate bambini non avevate pregiudizi.

Per voi sarei stata solo una normale bambina. A nessuno importava del mio potere. A parte a Esthar. Molti anni fa erano stati sottomessi da una strega, e non c'era motivo di credere che una nuova strega non avrebbe tentato la stessa cosa.

Tutti i miei amici mi abbandonarono appena lo scoprirono. Per loro ero un'altra strega, come Adele. Ma non per lui. Per lui ero ancora la donna che aveva incontrato alcuni anni prima al porto di Balamb, la donna di cui si era innamorato, la donna con la quale aveva condiviso tutti i momenti preziosi della sua vita. Lui era diventato il mio cavaliere.

Ma Esthar non si sarebbe fermato davanti a nulla. Venne a prendermi, da Esthar fino a Winhill. Nessuno tentò di difendermi, a parte lui.

"Artemisia, entra qui dentro!" mi disse, aprendo una porta segreta che conduceva ad uno dei nascondigli che erano stati preparati per un eventuale invasione di Galbadia. "Jr... Ti prego, non fare pazzie." Lui mi fissò a lungo, con uno strano sguardo negli occhi.

"Non te lo posso assicurare." disse infine, sbattendomi dentro il nascondiglio.


Le sensazioni di allora... Le parole di allora... Le emozioni di allora...

Le emozioni di allora furono molte, e molto intense. Paura, speranza, rassegnazione, profonda tristezza, odio.

Riuscii ad aprire la porta con molta fatica. I soldati di Esthar erano subito fuori dalla porta, e decisi di restare nascosta. Fu solo allora che lo vidi chiaramente. Stava sparando a raffica sui soldati di Esthar, cercando di tenerli lontani da me. I suoi colpi erano precisi e letali, come lo erano sempre. Ma questo non bastò.

Un luccichio nell'aria, e la lama di un soldato Esthariano iniziò a cadere inesorabile sul suo corpo, all'altezza del cuore. Lo trapassò da parte a parte, e lui rimase per un attimo fermo, incapace di salvare se stesso o me. Poi cadde disordinatamente a terra. "Idiota. Cosa pensava di fare?" disse uno dei soldati Esthariani, attorno al suo cadavere. E iniziarono a ridere sonoramente. Questo era troppo.


E quando diventate grandi... cosa vi rimane? Cosa buttate via?

Io ho gettato da parte la mia speranza, la mia innocenza e la mia vita. Quel giorno ho finito di vivere.

Uscii dal nascondiglio compostamente, e mi avvicinai al cadavere, mentre i soldati mi fissavano con sguardi stupiti. Dentro di me c'era un profondo senso d'impotenza. Non ero riuscita a salvarti. Cos'altro mi poteva importare in quel momento?

Le lacrime iniziarono a rigarmi le guance. "Basta strega, è ora di porre fine alle tue sofferenze." mi disse un'altro dei soldati, alzando la lama sopra di me. "Non prima di aver fatto ciò che Adele avrebbe dovuto fare molto tempo fa..."

La mia voce era diversa, rotta dal pianto, e ridotta quasi ad un sibilo dalla rabbia. Bastò un Flare per incenerire il soldato. "Adele avrebbe dovuto uccidervi tutti. Io ho una missione... ripulire questo mondo dalla feccia che si trova su esso!"

Da allora il mio scopo fu uno solo. La vendetta. Contro Esthar, e contro i SeeD.


Il tempo non aspetta. Non importa quanto stretto lo teniate. Il tempo fugge.

E con esso i ricordi nuovi sostituiscono i vecchi. Non so perché io ricordi ora quei momenti. Forse è vero che quando uno muore la vita gli passa davanti agli occhi. Tutto quello che provo ora però è odio. Non odio irrazionale. Ora ricordo perché odio.

E...

E presto anche voi, come me, proverete questo amaro tormento.

 

 

 

Angolo di Anova: Ho sempre pensato "Ma perché Artemisia ha questo odio radicale per la SeeD? Non può essere che sia perché la SeeD ESISTE." Capitemi, dovevo trovare una spiegazione soddisfacente. E cosa potrebbe esserci di più doloroso per una strega che perdere l'unica persona che l'abbia accettata per quello che era? Mi sento un po' sadico, ma mi ritengo soddisfatto ^^

Spero che la fic vi piaccia ^^ 







Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilitā nč č perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, č necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non č a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.