S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

Time after time ~ By Anay
Final Fantasy VIII - G - Azione/Avventura + Mistero - COMPLETA - Pubblicato: 18/1/07 - Aggiornato: 19/3/07
ID Fanfiction: 1239 - Commenti: 183
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction




Accademia militare di Balamb.

15 anni dopo la sconfitta della strega.


"....e alla fine del vostro corso di studi, diverrete degli abili combattenti, dei soldati di prima classe, perchè è questo che rappresenta la SeeD, un' elite di soldati scelti per garantire la salvaguardia del mondo!
E adesso, care matricole, potete recarvi in sala mensa, dove è stata organizzata una piccola festa di benvenuto in vostro onore!"
Queste furono le parole di benvenuto della preside Ellione.
Una donna sulla trentina, con dei lunghi capelli castani e due occhi sempre allegri, color nocciola.

Finito il prologo di benvenuto alle matricole, la donna, vestita d'azzurro, si avvicinò ad una coppia di genitori, che stavano accompagnando la propria figlia...

La madre, dai unghi capelli castani, e gli occhi neri,le sorrise, mentre il padre si limitò ad un freddo cenno fatto con la mano.
"Non cambierai mai, non è vero Squall?" esclamò la preside.
La donna sorrise "è da tempo che non ci si vede Ellione!"
"Rinoa!" rispose, abbracciandola.
Poi, rivolgendosi alla bambina, disse "E tu devi essere la piccola Laguna! Sei tale e quale a tuo padre..."
La piccola dai disordinati capelli castano molto chiaro e dagli occhi azzurri come il ghiaccio non rispose, limitandosi ad abbassare lo sguardo.


"Gli somiglia persino nel carattere" canzonò Rinoa, scompigliando i già disordinatissimi capelli della ragazzina.
"Come mai avete deciso di portarla al Garden?" chiese Ellione, rivolgendosi a Squall.
Evidentemente l'argomento infastidì la ragazzina, che iniziò a correre via...
"...Laguna! Torna qui!" la voce di Rinoa riecheggiò in tutto il Garden, ma alla bambina sembrò inesistente.

'Vogliono spedirmi al garden, come se fossi un oggetto di troppo da avere per casa.
Certo, hanno le loro missioni, i loro combattimenti...
Ma io non ho mai sognato di essere come loro! non mi piace combattere!
Mio padre ha deciso della mia vita, vorrebbe che il mio carattere si "forgiasse", che imparassi a vivere...'
Pensò la ragazzina, mentre le lacrime le rigavano il viso...
improvvisamente sbattè contro quacosa, o meglio qualcuno, cadendo a terra con le gambe incrociate.

"Hey impiastro, perchè non stai attenta a dove metti i piedi?"
Laguna sollevò lo sguardo: davanti a lei se ne stava un ragazzino biondo, con lo sguardo accigliato e due profondi occhi azzurri.
"Allora, non ci senti?" riprese.
Lo fissò per un attimo, allibita, dopodichè gli diede uno spintone.
"Stà attendo tu idiota!" rispose.
"Come ti permetti?" esclamò il ragazzino, estranedo un piccolo gunblade in miniatura...
"Ti faccio vedere io!" urlò, preparandosi a sfoderare un colpo contro la ragazza.

"Sean! Si può sapere che diavolo stai facendo?" irruppe una voce femminile.
Una donna dai lunghi capelli biondi, vestita di rosso fermò il ragazzo.
"Mamma io..."
La donna si sistemò gli occhiali sul naso "Sei incorregibile...."
Poi voltandosi verso Laguna, esclamò "Devi scusarlo piccola, Seon non conosce le buone maniere...."
Non rispose, ma scosse la testa.
"non c'è un SeeD che ti segue?" chiese la donna.
"Sono qui con i miei genitori..."
"Ah si? E dove sono?"
La bambina indicò con la mano le due figure che stavano parlando con Ellione.
"Che mi venga un colpo! E così tu sei la figlia del nostro Comandante!" sorrise "Seifer!! Vieni qui!".
L'uomo dai capelli chiari sifece capolino tra le sagome dei numerosi SeeD.
Aveva ancora la cicatrice sul volto...'Come quella di papà' penso la ragazzina.
La donna riprese a parlare "Tesoro, questa rgazzina è la figlia di Squall e Rinoa!"
Seifer osservò la ragazzina, inarcando un sopracciglio:
Effettivamente aveva qualcosa che gli ricordava Squall, forse la sua espressione seria e i pugni serrati? Chissà.
La voce di Rinoa interruppe i pensieri del ragazzo...
"Ah sei qui! non devi scappare a quel modo Laguna!"
"Anche voi qui allora?"
"Quistis!"
Le due donne si abrracciarono, solito abbraccio di convenienza, dato che tra loro non correva buon sangue....
Idem per i due uomini, che invece se ne stesero a fissarsi pronunciando un smemplice
"Seifer..."
"...Squall"

Poco dopo la preside Ellione richiamò l'attenzione di tutta la sala, annunciando che per i genitori/accompagnatori era giunto il momento di andare via.
Rinoa baciò la figlia, incoraggiandola ad andare avanti e a comportarsi bene.
Squall invece s'inginocchiò al cospetto di Laguna, porgendogli un grosso pacco.
"Cos''è?" chiese.
"...Aprilo".
Laguna iniziò a scartare il pacco, che conteneva ciò che lei aveva sempre desiderato:
Il Griever ed il giubbotto di pelle di suo padre.
La ragazzina saltò al collo del padre, tempestandolo di "grazie".
"Magari adesso ti starà grande, ma tra qualche anno potrai indossarlo..." intimò il Comandante.
Laguna sorrise, anche se sapeva che da quel momento non avrebbe rivisto tanto facilmente i suoi...







Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilitŗ nŤ Ť perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, Ť necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non Ť a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.