S.o.a.P - HomePage
  S.o.a.P | Sezione Autori | Exit
Account: Login | Register 

Zantetsuken: a sword, a legend. ~ By Dark_Sephiroth
Final Fantasy VIII - PG-13 - Serio + Drammatico - One-shot - Pubblicato: 21/12/06 - Aggiornato: 23/12/06
ID Fanfiction: 1176 - Commenti: 18
Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction



Tutti mi hanno sempre considerato come “il cavaliere solitario” “il Gf indipendente, ma nessuno mi ha mai apprezzato veramente, ero richiesto solo per la mia spada e la mia capacità di fare a fettine i mostri. Ora, qui, nella Lunatic Pandora, in punto di morte vi racconterò la mia storia affinché nessuno mi disprezzi per il fatto che non li ho aiutati nel momento del bisogno, ma mi compianga per il mio destino.
Sono nato e cresciuto nel continente di Centra in un villaggio dimenticato da Hyne. Fin dall’età di 2 anni ho già dimostrato un apprezzamento per l’arte della spada; questo rese i miei genitori fieri di me come non mai: nel nostro villaggio servivano guerrieri per proteggere la gente.

La mia passione contagiò tutti i miei parenti ad eccezione di mia madre che ormai era vecchia e stanca e di mio padre, che era già un valido combattente.
Io e mio fratello gemello Gilgamesh fummo allenati duramente per tutta la nostra infanzia da nostro padre in attesa del giorno in cui avremmo potuto dimostrare il nostro valore, ma ahinoi, quel giorno arrivò fin troppo presto.
Nel giorno del 18 compleanno di me e di Gilgamesh, durante la cerimonia del passaggio all’età adulta che avveniva di notte capimmo subito che c’era qualcosa che non andava: la luna piena era diventata di uno strano colore rossastro e sembrava che si stesse sciogliendo.

Accadde il finimondo: RubRumdragon, Melth dragon, Dragon Izolde, Behemoth e Elnoyle piovvero dal cielo. Io, Gilgamesh e mio padre ci mettemmo in prima fila: decapitai su due piedi un RubRumdragon che puntava a mio padre con la mia spada “Zantetzuken” che significa “lama insanguinata”. Le nostre file furono decimate e alla fine rimanemmo solo io, mio fratello, nostro padre e un guerriero di nome Zeiner a combattere contro l’esercito dei mostri. Continuammo così per non mi ricordo quanto tempo finché un’artigliata ben assestata da parte di un Elnoyle non troncò di netto la testa a Zeiner. Mi padre ululò di rabbia e, con la sua lancia, trafisse la gola dell’Elnoyle, che stramazzò al suolo con un lamento pietoso. La battaglia proseguì e oramai

eravamo esausti quando un RubRumdragon ci attaccò con il suo micidiale respiro di drago: nostro padre se ne accorse e corse davanti a noi per proteggerci; il colpo lo investì in pieno e cadde a terra elegantemente senza emettere un suono.
Io e Gilgamesh non avemmo neanche la forza di urlare: lo shock ci aveva completamente svuotati e io mi chiesi che senso aveva ancora vivere. Dentro di me una voce rispose “la vendetta!” il tempo si bloccò e comparve Hyne, ci avrebbe assicurato la vendetta in cambio delle nostre anime:

accettammo senza indugio. Il tempo riprese a scorrere normalmente e ricominciammo a uccidere.
Sembrerebbe impossibile, ma dopo due giorni di estenuanti combattimenti riuscimmo a sconfiggere i mostri. Corremmo, corremmo senza fermarci fino al punto piĂą alto di Centra; il panorama era qualcosa di indescrivibile: carcasse ovunque di uomini e di mostri, il nostro villaggio raso al suolo fatta eccezione per la nostra casa, la nostra terra natia rovinata per sempre! Ma avevamo avuto la nostra vendetta.

Privati dell’anima ci rifugiammo in casa e ponemmo un enigma all’ingresso: chi non sarebbe riuscito a risolverlo non era degno di vivere! Per mille anni nessuno ci disturbò, poi mio fratello uscì per controllare il paesaggio e mentre era fuori vennero sei ragazzi che risolsero l’enigma e gli concessi di parlarmi. Dissero che erano SeeD e mi sfidarono in battaglia in sella all’unico altro superstite del massacro: il cavallo a sei zampe di mia madre: Slying.

Mi sconfissero allora io accettai di mettere al loro servizio la mia spada così potei compiere ancora una volta la mia vendetta. Fino ad ora sono sempre stato la spada più veloce di tutti, però adesso questo umano mi ha sconfitto. Ricorda le mie parole misero essere: mio fratello mi vendicherà.

fine. è la mia 1° fic siate clementi! ^_^

Dark_Sephiroth







Commenta questa fanfiction   Aggiungi questa fanfiction ai preferiti   Aggiungi questo autore ai preferiti   Segnala eventuali irregolarità   Aumenta la grandezza del testo   Stampa questa fanfiction
 

 
S.o.a.P vive dal 6 Settembre 2004. Layout e codice creati dalla sottoscritta. DISCLAIMER: il tenutario del sito non ha alcuna responsabilitŕ nč č perseguibile per i contenuti pubblicati dagl utenti nei loro scritti e nei commenti. Per l'utilizzo, anche parziale, dei racconti pubblicati su questo sito, č necessario chiedere il consenso degli autori. Il sito non č a scopo di lucro, e tutte le storie ed i personaggi presenti nelle fanfictions sono utilizzati nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyrights.